Bèrto, il wermouth di Federico Ricatto

Federico Ricatto è lo chef del ristorante Il Marachella di P.zza Emanuele Filiberto, 3. Ma da oltre 12 anni ha una passione: produrre una bevanda alcolica speziata. Si chiama Bèrto e ne fa circa un migliaio di bottiglie.

E’ un wermouth, vale a dire una bevanda a base di assenzio a cui unisce altre 15 erbe e spezie: cannella, garofano, china, ecc. La ricetta è, pare ovvio, segreta. La base alcolica è composta con un uvaggio langarolo di chardonnay e moscato. Il risultato è eccellente, direi unico. Un alcolico leggero di delicatezza notevole e altrettanto notevole complessità sia al naso, sia in bocca. Ha un unico difetto: è difficile da trovare, pur costando una cifra onesta. Se riuscite a procurarvelo siete fortunati e berrete un liquore, la categoria cui appartiene questa  bevanda alcolica, per certo unico. Il paese di produzione è Monforte d’Alba. Salute, neh!

One Response to “Bèrto, il wermouth di Federico Ricatto”

  1. carlo Says:

    salve ,sono interessato a un paio di bottiglie di berto per un degustazione che faro’ a fine agosto in buenos aires argentina,si tratta di un seminario sulla cultura italiana dell’aperitivo ,vermut,bitter,e la nostra cultura del servizioe liquoristica,e’ una maniera per far conoscere a un popolo come gli argentini ,che hanno molto in comune con gli italiani,un vermut differente,visto che sono fra i maggiori consumatori di vermut al mondo,grazie per leggere il mio mail ,carlo contini

Leave a Reply