Cazzeide/Cunneide di Duonnu Pantu

CAZZEIDE

[…]

Dunca, futtiti vue mo quatrarazzi,

scialativìla ccu’ ‘sti cunnarizzi,

sciacquativìli vue ‘sti cugliunazzi

e a Venere mannati li pastizzi,

‘nnarvulàtili e sparmatìli ‘sti cazzi,

chiantàti corna ppe tutti ‘sti pizzi;

jati gridannu ppe’ tuttu lu munnu:

Viva lu cazzu, lu culu e lu cunnu!

[…]

E mo curre nu sièculu puttanu,

ppe’ nun dire nu sièculu curnutu,

n’età chi nun se trova cunnu sanu

né culu chi nun sia statu futtutu.

le fimmine tè ‘mpàcchianu de manu

le ppigli’ lu diavulu pinnutu:

pigliàu de càudu forte la sajime

e curre cùomu jume la sparcime.

CUNNEIDE

[…]

Farrìa cchiù pieju de Sardanapalu:

ppe’ ‘sti chiani e sti margi le sversèra

e cùomu pùorcu mi cce ‘mbruscinèra,

chi ‘ngualu ‘ngualu.

Cattive, maritate e schette io pigliu,

‘ncamate, ricche, nuobili e frabutte,

e giuvinelle, vecchie, belle e brutte,

cuòmu nu nigliu.

La nìvura, la brutta me cunforta,

la janca ccu’ la russa me ‘nnamura

e tante vote me minte ‘nnavannura

la faccie smorta.

L’àuta, la vàscia, la macra, la grassa,

la pietti sicca ccu’ la minnicuta,

la culi stritta, la cularinùta

‘st’anima passa.

‘St’anima passa e lu core me ‘nchiaga

la dissapita ccu’ la graziusa,

e la mudesta e la murriculusa

tuttu m’ammaga.

A mie fa fare due parmi de mazza

la calvanista ccu’ la luterana,

l’ebrea, la mora ccu’ la maumettana

ed ogni razza.

‘Ncipullu forte e fortemente arrittu

ccu’ cchi l’ha svanu e ccu’ chi l’ha pilusu,

ccu’ chi l’ha ‘nzaccanatu lu pertusu

o largu o strittu.

De primavera, autunnu, viernu e ‘state,

matìna e sira, de jurnu e  de notte

spànticu ppe’ chiavare quattru botte,

due strippunate.

Chiaverrìa, me cunfiessu, ppe’ ’ste vie,

ppe’ ’sti margi, ’sti chiani, e ’sti valluni,

ppe’ ’ste spinara e ppe’ ’sti cafarùni

farrìa pazzie.

[…]

Chine mantène la gente e le regna?

Chine fa tanti papi e cardinali,

tanti rre, ‘mperaturi e uffiziali cchiù ca la fregna?

[…]

Autore di questi due lunghi poemetti è il mitico e favoloso Duonnu Pantu, alias Domenico Piro, prete e poeta nato a Aprigliano il 14 ottobre 1660 e morto nel 1696.

Aprigliano è il paese più vicino a Pietrafitta, dove io sono nato.

Un posto di assoluto rilievo deve occupare, tra i miei poeti, questo prete svergognato e talentuoso.

A Pietrafitta c’era, e ancora c’è ma non più attivo, un convento di Frati Minori: tutti gli abitanti maschi di Pietrafitta erano comunisti e mangiapreti; quasi tutte le abitanti di Pietrafitta erano bigotte.

L’eroe era Duonnu Pantu: prete sacrilego perché amava e cantava “futtisteru, culu e cunnu”. E le storie su questo gran maialone e ubriacone di prete hanno condito la mia infanzia.

Rammento che cunnus, 4° declinazione latina, è il sostantivo che indica la topina, o come assai meglio la definiva il mio grande papà: “Lu tupinaru”, e tupinaru significa talpa: nera, pelosa e cieca.

La Cazzeide è un componimento in endecasibili composti in ventuno ottave e, in buona sostanza, canta un “secolo puttano”, decadente e corrotto in cui tutti fottono tutti, in tutti i posti e in ogni momento.

La Cunneide è un inno alla fica, un elogio colto, totale e svergognato; sono tutte fiche: quelle belle e quelle brutte, quelle alte e quelle basse, quelle giovani e quelle vecchie, quelle grasse e quelle magre. L’assunto, eterno e incontestabile, è che la fregna è motore del mondo. Ho messo in risalto la quartina in cui il prete svergognato dice a chiare lettere che lo eccitano tantissimo calviniste, musulmane, ebree, nere: purché siano fiche, che valgono razze e religioni (ricordo che siamo nella seconda metà del Seicento…)?

E pensare che questi luoghi sono quelli in cui visse e morì – 1202, in località Canale a Pietrafitta – Gioacchino da Fiore e, pochi decenni prima della vita di Duonnu Pantu, fu catturato a Celico Tommaso Campanella.

Per quanto mi riguarda, m’interessa meno la vicenda storica del prete libertino – di cui si conosce poco o nulla – che la sconfinata aneddotica che i compaesani hanno sviluppato nel corso dei secoli. Sono i racconti delle mitiche imprese del prete che mi attraggono: mio padre mi raccontava storie per davvero incredibili; purtroppo, mio papà non c’è più e, come succede quasi sempre, non ho fatto in tempo a registrare in maniera sistematica questi racconti favolosi. Se qualcuno è in grado di aiutarmi in questo senso, avrà la mia gratitudine perenne.

11 Responses to “Cazzeide/Cunneide di Duonnu Pantu”

  1. Francesca Says:

    fANTASTICI VERSI…ATTUALISSIMI.

  2. giuseppe Says:

    poeta e poesie da far conoscere
    complimeni per il sito
    giuseppe

  3. luigi greco Says:

    Vicì, si nu granne, non le le opere che non so giudicare, ma per la simpatia che ci accomuna in Duonnu Pantu, con stima LUIGI GRECO da Mendicino.

  4. Vincenzo Reda Says:

    Sentirmi appellare “Vicì” mi gratifica non sai quanto: sono tutte le mie radici silane che riprendono vigore. Grazie, Quanto a Duonnu Pantu, è un mito che soltanto chi lo ha respirato da bambino, tra Pietrafitta e Aprigliano, può capire. Grazie ancora.

  5. Peppino Curcio Says:

    La bellezza e la straordinarietà di questi versi sono sottolineati anche dalla grandezza e ricchezza di altri letterati e dell’arte che fiorì della zona presilana. Alcuni ritengono addirittura che Donnu Pandu sia un gruppo di amici di Aprigliano e solo uno di essi era Domenico Piro. Di quegli anni c’è anche un altro storico di valore di un paese vicino anch’egli un uomo di chiesa, Domenico Martire di Pedace, che scrisse in quattro tomi La Calabria Sacra e Profana. Delle stessa epoca la maggior parte delle bellissime chiese della Presila.

  6. luigi carobelli Says:

    mitico duonnu pantu. Complimenti

  7. franciscu costanzu Says:

    vivo lontano dalla mia Calabria , dalla mia Cosenza , da Pietrafitta (allora avevo nove anni ) e … tra i ricordi un epitaffio ( ? ) di Duonnu Pantu che mio padre declamava con tono severo : ” VOGLIO CHE ALLA MIA MORTE – LE MIE OSSA SIANO BEN SPOLPATE – PER FARNE BECCUCCI DA INTEROCLISMI – E ANDARE IN CULO ALLA GENTE ANCHE DOPO MORTO ” . Allora capivo il dialetto e non il significato della frase . Oggi , invece , mi sarebbe difficile comprendere le stesse parole in dialetto . Qualcuno provi a tradurle ed a confermarne la paternità .

  8. Vincenzo Reda Says:

    Confermo la paternità, ma non so tradurre; purtroppo, mio padre non c’è più e con lui se n’è andato tutto il Duonnu Pantu originale. Io di anni ne avevo 5 quando mi hanno portato a Torino, ma fino all’ottobre del 2001 ho sentito le storie del Prete Porcone…Salute.

  9. marco Says:

    cu l’ossa mia c’hanna fa pompette i cristier , picci a chi non me inculat i viv mi le nculà i murt

  10. VINCENZO Says:

    pueta ‘ncurunatu di gramigna
    diciami, picchì cra cra fa lu ranunchiu?
    e spiegami ‘u misteru di sta minchia
    picchì prima si stenna e pu’ s’arrunchia?

  11. ANTONIO Says:

    grande! fa parte della mia gioventu’ passato con un caro amico cosentino che me lo fece conoscere negli anni 70. l’ho sempre rincorso ed ora l’ho trovato grande porco poeta vernacolare!

Leave a Reply