Doc Pinerolese, Torino e Collina Torinese

Finalmente ho finito di bere le famose 18 bottiglie che hanno tenuto compagnia ai miei lavori nell’allestimento presso le scuderie della Palazzina di Stupinigi. Bottiglie che appartengono alle 4 Doc della Strada Reale dei vini Torinesi. Finisco con le Doc Pinerolese e Collina Torinese.

Delle 3 bottiglie del Pinerolese, purtroppo, il Doux D’Henry 2008 delle  Cantine Il Tralcio di Bricherasio sapeva in maniera pesante di tappo, capita: non sono in grado di giudicare questo rosato naturale che, del resto, già conoscevo. Mi auguro che quella cantina me ne fornisca una bottiglia il cui contenuto prezioso non sia rovinato: in ogni caso, questo vino raro è caratterizzato da colore scarico, elevata acidità e scarso corpo che lo rendono adatto a essere bevuto con cibi delicati, magari come accompagnamento di merende sinoire nei caldi pomeriggi d’estate, a temperatura un poco più fresca del normale.

L’Argal 2006 delle Cantine Dora Renato di Frossasco è un uvaggio di Barbera, Freisa e Neretto: un vino che ha pretese di importanza ed eleganza ma che l’uso non proprio eccellente di legno piccolo rende un poco stucchevole. Un vino comunque che mantiene una certa personalità e buoni sentori di frutta di sottobosco e note speziate che lo rendono adatto ad accompagnare cibi importanti: certo è che con un uso più attento del legno, avrebbe molto da guadagnare.

Ottimo il Dolcetto 2008 Le Marie di Barge: un Dolcetto che ha profumi e sapori grassi, rotondi, molto peculiari che evidenziano un legame stretto con il territorio in cui nasce. Un vino che ti rimane nella memoria, un vino certo non eccezionale ma di forte carattere, schietto, vinoso.

Delle 5 bottiglie della Doc Collina Torinese ben 4 erano di Balbiano e una, Barbera 2009 Nonno Nando, di Stefano Rossotto di Cinzano: una Barbera di buon corpo e alcol senza pretese particolari ma corretta e con elevata acidità.

L’Azienda Melchiorre Balbiano di Andezeno merita un discorso a parte. Un produttore che conoscevo per la Freisa di Chieri: vino che ho avuto il piacere di bere per anni prodotto da un parente di mia moglie a Pino d’Asti. Una Freisa delicata, mossa, molto secca, di un bel rosso rubino non troppo carico, vinosa, franca, pulita: uno di quei vini che puoi bere d’estate e d’inverno, a pranzo e a cena, fresco o a temperatura ambiente; un vino che accompagna tantissimi piatti, versatile, gentile. Questo di Balbiano, annata 2009, è per davvero eccellente. Ma già lo sapevo. La sorpresa è stata la Bonarda 2009: un altro vino di grande versatilità, di facile beva; leggermente mosso, ti lascia la bocca pulita e non finisce mai di saziarti. Mi è piaciuto assai: vino da tutto pasto che non ti assedia il palato e accompagna discreto tutti i cibi, anche il pesce.

Non conoscevo la Freisa Superiore Federico I il Barbarossa. Ho bevuto questo vino dell’annata 2006, contenuto in una bottiglia particolare, asimmetrica, che non avevo mai vista prima. E’ un vino importante che ha riposato 6 mesi in tonneau e altri 8 mesi in bottiglia prima di essere messo in commercio: è una Freisa di Chieri al suo massimo potenziale sia come sentori, sia come palato. L’uso ponderato delle botti da 500 litri ne esalta i profumi di frutta rossa senza massacrarti le narici con l’insopportabile vaniglia che tutto copre. In bocca è asciutto, gentile, molto secco e tanto tanto vinoso, come piace a me. Vino eccellente! 13,5° di alcol che non si sentono per niente. La controetichetta ne spiega il nome: nel 1155 Federico I il Barbarossa assediò e saccheggiò Chieri (allora comune più importante e popoloso di Torino) devastandone le campagne; si salvarono pochi filari di vigna da cui ebbe origine la Freisa di Chieri, vinificata dolce fino all’avvento della famiglia Balbiano che, dal 1941 e sono ormai 3 generazioni, ne ha tratto questo vino secco e gentile. Da specificare che la Freisa Superiore è un vino fermo e non mosso come il suo fratello più giovane.

Cito per ultimo il rarissimo Cari, vino di cui ho già ampiamente trattato: Balbiano ne produce circa 2.000 bottiglie. Il Cari di Balbiano, rispetto a quello prodotto dalla Cantina Sociale di Castelnuovo Don Bosco, è leggermente più speziato e complesso, pur conservando i 5,5° di alcol che lo rendono un compagno appropriato di piccola pasticceria, gelati, dolci delicati. Io ci ho mangiato, con soddisfazione, i fichi d’india!

2 Responses to “Doc Pinerolese, Torino e Collina Torinese”

  1. Luca Balbiano Says:

    Ringrazio per le belle parole spese, rinnovando l’invito a venirci a trovare in Azienda quanto prima (magari in occasione della Festa del Novello, il 6 e 7 Novembre).
    A presto!

  2. Pier Bruno Baracchini Says:

    Interessa assaggiare un Collina Torinese Barbera di Verrua Savoia? Nulla da spartire con i prodotti del Chierese. E’ un’altra terra. Lo produce la cantina Il Girapoggio.
    Saluti, Pier Bruno Baracchini

Leave a Reply