L’eccellenza della semplicità

http://www.vincenzoreda.it/nero-di-troia-in-purezza-ovvero-nerone-by-la-marchesa/

Certe volte, neanche troppo di rado, mi piace giocare con quel che io chiamo: l’eccellenza della semplicità. Con questa espressione voglio significare quanto a volte può essere complessa e attraente quella che può apparire, a uno sguardo superficiale, una faccenda semplice.

Per un’occasione particolare, ho scelto di cenare con un semplice, in apparenza, piatto di paccheri al sugo. Ma quel sugo era reso particolarmente complesso da una dose appropriata – guai a sbagliarla! – di colatura di alici di Cetara e dal giusto contorno di peperoncino piccante fresco: una vera bontà…

Il tutto accompagnato da un vino eccellente: Il Nerone della Marchesa 2009, Nero di Troia in purezza da Lucera (Foggia). M’ero tenuto da parte questa bottiglia per un momento particolare e non ho sbagliato. Naso finissimo con sentori erbacei e balsamici, ma il meglio lo regala al palato con sapori pungenti di caffè e cacao, facendo bene attenzione a permettergli a lungo di respirare (meglio assai il giorno dopo). L’ho bevuto nel mio unico bicchiere Riedel, sbreccato, firmato Angelo Gaja 2009.

Questa è la mia eccellenza della semplicità

Leave a Reply