Posts Tagged ‘Barolo’
INAUGURATA AL WIMU LA WINE LABELS COLLECTION

COMUNICATO STAMPA – lunedì 20 marzo 2017

INAUGURATA AL WIMU LA WINE LABELS COLLECTION

LA COLLEZIONE FONDO CESARE E MARIA BARONI URBANI – OLTRE 282 MILA ETICHETTE DI OGNI EPOCA E LATITUDINE – DA OGGI E’ LA NUOVA ATTRATTIVA DI BAROLO E DEL MUSEO DEL VINO

Taglio del nastro ieri, domenica 19 marzo, per il WiLa, la Wine Labels Collection ospitata nelle pertinenze del WiMu di Barolo. Il museo del vino multimediale di François Confino ora ha anche le sue etichette, una straordinaria collezione personale di 282 mila pezzi singoli, diversi e autentici, datati dalla fine del Settecento in rappresentanza di tutti i Paesi produttori di vino riconosciuti dall’Onu (tranne l’Iraq), donata dal professor Cesare Baroni Urbani di Sirolo e la moglie Maria al Comune di Barolo, che l’ha messa a disposizione della Barolo & Castles Foundation.

La raccolta, consegnata ufficialmente dal professore a giugno 2016 durante la presentazione della nuova annata del Barolo, è stata collocata negli spazi della vecchia sezione femminile del Collegio Barolo, nell’edificio che già ospita la biglietteria del WiMu e che è stato oggetto di un ampio intervento di recupero, risanamento, abbattimento delle barriere architettoniche e un accurato restauro da parte del Comune con finanziamenti del Gal. L’intera collezione è conservata negli armadi. Mostre temporanee e permanenti nelle sale del WiLa, ma anche all’interno del WiMu, quale parte integrante del percorso di visita, sono finalizzate alla sua fruizione.

Durante la cerimonia inaugurale, dopo i saluti istituzionali del sindaco di Barolo, Renata Bianco, e del presidente dell’Ente Turismo Alba Bra Langhe Roero, Luigi Barbero, gli interventi moderati dal giornalista Roberto Fiori sono stati a cura di Cesare Baroni Urbani, la ricercatrice Simona Stano dell’Università degli Studi di Torino e International Semiotics Institute e Massimo Martinelli, curatore della collezione da quando è stata affidata al Comune di Barolo e alla Barolo & Castles Foundation.

Perché il professore marchigiano ha scelto proprio Barolo per donare un simile tesoro? «Se Barolo è il “re dei vini” è giusto che sia lui a occuparsi di tutti i suoi “sudditi” sparsi per il mondo» ha detto Urbani. Ha aggiunto il sindaco Bianco: «La Collezione Internazionale di Etichette Fondo Cesare e Maria Baroni Urbani è un appassionato e competente lavoro di raccolta e catalogazione. Un autentico capolavoro e un patrimonio che da oggi condivideremo con i visitatori del nostro museo: siamo lusingati che il professor Urbani abbia scelto Barolo e il WiMu

LA STORIA DELLA RACCOLTA

Le etichette sono state ottenute per lo più direttamente dai produttori. Ma alcune cantine, specie tra le più prestigiose, si rifiutano categoricamente di cedere le loro etichette. In questi casi, il professore ha comperato le bottiglie più interessanti per staccarne l’etichetta che, per i vini più famosi e costosi, è protetta da potenti colle al fine di impedirne la rimozione. «Ho cercato di raccogliere tutte le etichette da vino con la sola limitazione che fossero da vino d’uva – racconta il professor Urbani –. La mia maggiore attenzione, però, è sempre stata rivolta a quelle antiche oppure di qualche interesse storico o geografico. Per esempio, sono fiero delle mie etichette di vino iraniano (persiano), nonostante la loro apparenza insignificante, perché in Iran dopo la rivoluzione islamica degli anni Settanta non è più stato prodotto vino. Con Massimo Martinelli è parso pertanto naturale ispirare a tale premessa la selezione degli esemplari da proporre nella prima esposizione temporanea della collezione».

I primi contatti tra Cesare Baroni Urbani e il Comune sono iniziati circa sei anni fa con una mail scritta dal professore marchigiano, già docente all’Università di Basilea. Sono seguiti numerosi incontri e la donazione delle etichette già nell’ottobre 2012, con la costituzione del Fondo Cesare e Maria Baroni Urbani” e la sola condizione di “curare e far crescere la collezione che può costituire un importante supplemento all’esposizione museale”.

LA COLLEZIONE

Sono 104 i Paesi da tutto il mondo rappresentati in questa formidabile raccolta, con pezzi storici che risalgono fino al XVIII secolo: oltre 11 mila etichette sono infatti datate tra 1798 e 1950. Dalle più antiche cantine di Borgogna alle etichette d’autore fatte realizzare a Picasso, Chagall, Mirò ed Andy Warhol dal Barone de Rothschild per festeggiare la fine della guerra, fino alla serie della californiana Nova Wines dedicata a Marilyn Monroe. Ogni etichetta ha una sua particolare storia e aneddoti legati al mondo del vino, del costume, della storia e delle tradizioni del luogo di provenienza.

Tra rarità e curiosità raccontate dallo stesso professor Urbani, spicca dalla Germania la famosa e antica etichetta di “Berncastler Doctor”: il vino è di Bernkastel, Doctor è il nome del vigneto e l’etichetta riproduce un imaginario Dottore arruffone che convince i villici a comprare il suo vino. Per quanto riguarda la Francia, le etichette stampate dalla ditta Labaume Ainé et Fils, la più antica casa vinicola della Borgogna. Questo fatto, unito al nome dei vini e alle caratteristiche della stampa, fanno supporre che tra queste ci sia la più antica etichetta di vino stampata su carta tuttora conservata. E poi, champagne dei produttori Lambry, Geldermann & Deutz, con etichette ottocentesche che raffigurano elefanti per l’esportazione in India e la vendita ai maragià indiani, e dallo Stato di New York il vino kosher (per ebrei ortodossi) degli anni ’30 e ’40, con immagini di cammelli e asini che dovrebbero ricordare la Terra Promessa. Una vera rarità è l’etichetta di Pinot Nero prodotto nella vigna più a Nord del mondo, in Norvegia: la ditta Sveler Hansen tra il 1995 e il 1999 ha imbottigliato 75 casse di vino e ogni annata porta un’etichetta che riproduce un’opera del pittore norvegese Edvard Munch e nella collezione ce n’è una datata 1997 con il ritratto di “Madonna” (1894-1895). Un vino oggi pressoché introvabile.

LA VISITA

Il WiLa, con la Collezione Internazionale di Etichette Fondo Cesare e Maria Baroni Urbani, è visitabile ogni sabato, domenica e giorno festivo a partire dal 18 marzo, dalle 10,30 alle 19.00 con ultimo ingresso alle 18.00. Il biglietto di ingresso costa 2 euro, mentre il ticket cumulativo WiMu + WiLa ha un prezzo di 9 euro.

Info: Tel 0173.38669 –  info@wimubarolo.itUfficio stampa press@wimubarolo.it

I miei auguri per il 2107/My greetings painted with Dolcetto wine

Quest’anno, il diciannovesimo (ho cominciato nel lontano 1998), ho scelto il formidabile Dolcetto d’Alba dell’amico Giuseppe Rinaldi (Beppe per gli amici e “Citrico” per tanti altri). Beppe vive e lavora in Barolo, è uno dei pochissimi vignaioli colti: colto in tutti i sensi e soprattutto per la sua particolare sensibilità verso la letteratura, la poesia, la pittura e le tradizioni di Langa. Ha una spiccata ammaliazione verso il futurismo italiano e ama in particolare i futuristi piemontesi come Fillia (Ottavio Colombo di Revello, 1904/1936) e Farfa (Vittorio Osvaldo Tommasini, Trieste 18979/1964). Per tale motivo, ho ideato un soggetto a cui ho dato il nome di “Bicchiovortex“: un bicchiere futurista.

73 sono, come al solito, gli auguri dipinti usando tre diversi tipi di carte (Archer, Fabriano 100% e Fabriano 50% cotone, tutte da 300 gr.) e differenti formati tra cui il più grande, il numero 1 della serie (28×38, carta Archer) espressamente dipinto per Beppe.

Mi pare di aver lavorato bene.

Auguri a tutti, brindando con uno qualsiasi dei vini di Giuseppe Rinaldi: tutti più che buoni!

Postcards from Langa, on March 2016
Lui (il Barolo) e noi, di Giovanni Arpino

Giovanni-ArpinoIl testo, inedito per quanto so, me lo ha regalato Giuseppe Rinaldi (meglio noto, per gli addetti ai lavori, con il soprannome “Citrico“) produttore tra i sommi di Barolo in Barolo. Non so quando e perché fu stato redatto, ma il solo fatto che sia di Giovanni Arpino (Pola, 27 gennaio 1927/Torino , 10 dicembre 1987) lo rende prezioso.

«Un uomo è sempre in debito con quanto beve. E nei riguardi del Barolo (un vino, sì, ma anche un luogo mentale, una forma di iniziazione, un patto segreto tra esperienze di chi beve e sostanza di quello che sta nel bicchiere) il debito aumenta.

Bisogna essere adulti, cioè maturi, per riconoscersi, tra Barolo e noi. Coscritti e adolescenti, primi assaggi e sbornie giovanili sono cose e passaggi indispensabili anche se spesso grotteschi: ma il Barolo, lui, sta lontano, abita ancora in altri luoghi di conoscenza. Arriva più tardi, come un giudice dall’esperienza finalmente maturata.

I rapporti sono cauti, persino difficoltosi: ad una certa età non si rivolge più con il “tu” a nessuno, tantomeno a un vino. Il Barolo non consente il “tu” ad anima viva. Si sottopone a un esame, a un giudizio, ad assaggi e testimonianze, affronta paralleli con altri ricordi, accetta benignamente e pudicamente uno scontro dottorale, ma sempre su un piano nobile di corrispondenze rispettosissime, che eliminano la facile confidenza o l’aggressivo colloquio intimo troppo prolungato, troppo godereccio.img027

Lui è un signore che allevia, conforta il debole, consola il moribondo, solleva problemi di gusto, impone scelte accurate. Noi possiamo, al massimo, riconoscergli i pregi, assisterlo perché non ci manchi, pregarlo perché non si decida ad abitare in altri paradisi, presso altri palati, più dignitosi e signorili dei nostri.

Lui è un vino che viene “dopo”, cioè quando tutto è già stato consumato, conosciuto, ripetuto, analizzato, depositato, archiviato. E noi queste sue particolarità dobbiamo conoscerle e saperle in ogni sfumatura, perché il rapporto di dare e avere funzioni secondo le regole del rispetto.

L’anima antica del Barolo possiede scintille e sfumature che noi, a lungo andare, abbiamo perduto. È molto raro, ormai, trovare l’uomo degno per la bottiglia meritevole, mentre tempo fa si poteva sostenere il contrario.

L’anima del Barolo è sentenziosa e prudente, ricca ma pudica, esaltante ma entro le quinte di un giudizio che non esorbita mai. Noi, avvicinandosi a quest’anima, ci sentiamo scarsi di concetto, di esperienza, di calibrate virtù umane. Lui è una sintesi, e noi una sperequazione. Lui è un re autentico, e noi soltanto dei sudditi malconci, vogliosi, fracassoni e pieni di smanie rozze.

Dovremmo riconoscere una volta per sempre che il Barolo esiste, sì, ma non è mai stato inventato il suo autentico bevitore.

Medicinale e tonico, indispensabile alla pressione, raro come un principe e conoscitore di ogni linguaggio gastrico, il Barolo è come un fratello, col rischio grave di instaurare, tra lui e noi, un rapporto troppo poco dignitoso e rispettoso.

La gente che sa manipolarlo, ruotarlo, stapparlo, versarlo, tenerlo tra lingua e denti e palato, è una popolazione rarissima, una sétta di fedeli che sa come di Barolo si vive, e spregia coloro che semplicemente, grossolanamente, il Barolo si limitano ad usarlo.

Il sogno di chi conosce il Barolo è una mappa di gesti rituali e propiziatorii, un rito quasi magico, da consumare in segreto. Perché è questo rito che introduce alla conoscenza dell’oggetto – un bicchiere, mezza bottiglia, una bottiglia di vino – e alla sua pensierosa comunicazione.

Chi è fuori del rito, prima impari, s’inginocchi, preghi, compia atti di contrizione. E solo dopo cerchi contatto con lui, il re in quanto simbolo, il re in quanto giustizia dei giusti, il re che non promette, ma dona».

Barolo Preve 2007 su legno per Gianni Gagliardo

Per i Gagliardo ho eseguito diversi lavori che si possono vedere su questo sito.

Tempo fa Piero Antonio Daviso, che cura il neg0zio Gianni Gagliardo in via Roma a Barolo, mi regalò lo stimolo per una bella idea nuova: dipingere con il vino i coperchi in pioppo delle cassette di sei bottiglie.

Ho dovuto faticare parecchio per ottenere questi risultati. Il vino semplice, anche concentrato, tende infatti a diluirsi a casaccio tra le fibre del legno e non mantiene il colore. Così, sfruttando l’esperienza del lavoro sui tini di calcestruzzo eseguito nel giugno 2015 per la Tenuta Mara nel riminese, ho messo a punto una miscela speciale (segretissima) che mi permettesse di raggiungere i risultati che desideravo. Anche la tecnica di pittura è abbastanza differente da tutte quelle che ho messo a punto per stendere il vino sulle altre superfici (carta, stoffa, scagliola, cristallo, cemento).

A questo punto sono pronto per realizzare, e saranno sempre su commissione, questo tipo di lavoro per le Cantine che me lo vorranno richiedere: mi pare una bella idea, sia per importatori sia per enoteche e ristoranti.

Vedremo come reagiranno i miei potenziali clienti.

Barolo, tramonto d’autunno
Art & Wine Club Exhibition in Barolo: Vincenzo Reda by Nerio Griso

http://www.art-wine.eu/

Collisioni: i miei millanta mah….

Scendevo domenica 19 luglio, verso le 19, dalla frescura di La Morra per la strada che taglia l’Annunziata e incrocia la provinciale 3 che unisce Alba a Barolo: andavo a incontrare l’amico Claudio Rosso con cui avevamo fissato una chiacchierata rilassante ai 700 metri di Albaretto della Torre, ospiti di Filippo Giaccone, della sua cucina, dei suoi vini, della sua calda amicizia, del suo riservo.

Subito dopo la cantina di Piero Ratti, addossate alle vigne di prezioso Nebbiolo in incipiente invaiatura, notavo file di automobili appiccicate l’una a l’altra, senza soluzione di continuità. Automobili di ogni tipo quasi a assediare i filari che parevano ritrarsi orripilati da queste presenze invadenti che li costringevano in una stretta mortale. E da queste automobili sciamavano verso Barolo, distante qualche chilometro, genti d’ogni tipo: giovani perloppiù e, data l’afa, poco o punto vestiti.

Ripensavo a quanto si diceva, neanche tanto tempo fa, da queste parti: «Abbiamo bisogno di quelli che vengono qui con le Mercedes, ma specialmente quelle con le ruote larghe…». E cercavo d’indovinare cos’avrebbe detto quel mio amico, antico lombardo, filosofo, giocatore di calcio, buon intenditore di musica classica, che usava e conosceva il Battaglia; che sapeva di vino e tanto ne scriveva e ne beveva e, soprattutto, che sapeva di uomini e era un gran conoscitore di anime semplici. Cosa ne avrebbe detto il Gran Gino di ‘sta roba qui?

Partecipai a Collisioni 2012, la prima a Barolo, dopo i tre anni di Novello. La prima edizione si tenne il 2 e il 3 maggio 2009, con Jovanotti e pochi altri; l’anno dopo ci fu Lucio Dalla con Capossela e Gino Paoli il 4 giugno; quello successivo – 27, 28 e 29 maggio –  vide la partecipazione di Salman Rushdie, Caparezza, Ligabue e Michael Cimino.

Il 2012 fu la consacrazione – 13, 14, 15 e 16 luglio – con la scelta di Barolo e il grande concerto di Bob Dylan. Io, su invito di Francesca Tablino, tenni una lectio magistralis su vino e letteratura, con una piccola mostra dei miei quadri. Ne fui entusiasta.

L’anno successivo fui affiancato a Lorenzo Tablino per una massacrante maratona di gustazioni: quell’anno ci fu il flop di Elton John, ma anche le presenze di Gianna Nannini, Elio e le storie tese, Fabri Fibra. E comunque il successo fu discreto.

Lo scorso anno ero responsabile dell’ufficio stampa di Made in Piedmont e lavorai come un asino, rimettendoci quasi la salute. Fu l’anno in cui si toccarono, nei quattro giorni, le 100.000 presenze: un’enormità per la realtà di Barolo. Malgrado un terribile acquazzone non ci furono eccessivi disguidi e i due concerti principali – Deep Purple e Neil Young – andarono esauriti.

Alla resa dei conti si ebbe la netta sensazione che l’evento andava ripensato.

Invece non c’è stato alcun ripensamento: più convegni, più cantine e consorzi che cacciano soldi – non pochi – e che sono presentati a cottimo dentro le sale esauste del Castello davanti a un pubblico scarso e poco interessato; concerti d’ogni tipo a mescolare diavolo e acquasanta; ospiti disputati, a volte in maniera imbarazzante, dai vari grandi produttori di Barolo (evito di fare nomi). E un muro di pubblico accaldato e consumatore soprattutto di acqua e birra – pare ovvio – che cerca i selfie con i numerosissimi vip ambulanti. E poi un sacco di ragazzi che lavorano gratis: perché lavorare a Collisioni è comunque tanta roba…

No, non mi piace più Collisioni così com’è diventata. E non mi piace ancor più perché quest’anno, non essendo stato coinvolto, ho potuto effettuare le mie osservazioni con distanza dialettica. Tutto subito mi ero anche arrabbiato per non essere stato chiamato e la faccenda mi aveva dato non poco fastidio; poi, invece, sono stato contento di non aver partecipato e me ne sono tenuto accuratamente distante anche come giornalista o semplice fruitore.

Così com’è Collisioni non rappresenta un valore aggiunto per Barolo: non è dei grandi numeri che qui si sente il bisogno. Barolo, ricordo, è un paesino di 700 anime, un solo albergo, qualche B&B e 5 o 6 ristoranti. Qui necessita la qualità, necessitano i tempi giusti, necessitano gli incontri di alto livello che, pare ovvio, non possono consumarsi tra i selfie, le birre, le caudane e i sudori rumorosi e fastidiosi di folle barbare. E nessuno pensi che queste faccende sono investimenti sui consumatori di domani. Non così, non tracannando qualsiasi vino in calici di plastica a 36°!

Qualità, cultura – cultura del territorio che sanno i patriarchi di qui, non i Master of Wine di Hong Kong, che sono utili, certo, ma non utilizzati in questo modo – tradizione, sensibilità, curiosità.

E qui mi fermo. Basta e avanza, sperando che Collisioni – idea comunque magnifica – lasci le autostrade a 8 corsie e riprenda certi magnifici sentieri che sono unici e impagabili (e che il provincialismo debordante sappia essere orgoglioso di questi nostri sentieri).

Salute.

Ps: intanto, nel mio prossimo volume di racconti (Racconti Alticci) ci sarà una storia straordinaria ispirata da Collisioni. A modo mio, pare ovvio.

 

 

I fotografi – Collisioni 2014
Citrico/Beppe Rinaldi

Era ormai lungo tempo che dovevo avere un incontro ravvicinato con Beppe Rinaldi, a Barolo e dintorni meglio conosciuto come Citrico.

L’occasione me l’ha fornita Collisioni con l’incontro, da Brezza, di Ornella Bonifacio: ti ci porto io da Citrico!

Così, dentro un caldo pomeriggio di luglio, forniti di un paio di calici di ottimo Brezza-Barolo ci siamo incamminati dalla periferia nord di Barolo verso la periferia sud, lungo la strada che unisce Monforte a Alba.

Il casale dove dimorano Citrico, le sue manie e i suoi vini sta poco fuori Barolo, sulla sinistra salendo verso Monforte; vi si accede violando un antico cancello di ferro battuto. Beppe era intento a armeggiare intorno a delle Vespe o Lambrette – io proprio non ho dimestichezza con la roba a motore a due ruote – nel suo apparente disordinato e farraginoso spazio (ma gli spazi sono sempre disegnati su misura e mai disposti casualmente, pare ovvio): fastidito da quei due intrusi che andavano a sovvertire tempo e spazio esclusivo e privatissimo.

Ma poi, dietro le apparenti superfici abrasive, Citrico è una persona di grande sensibilità e le persone, dopo averle rapidamente annusate, le classifica con estrema velocità: da una botte di 33 ettolitri ci ha spillato una bevuta in anteprima del suo Brunate 2011 che avrà tanto tempo da investire a riposare in cantina per poi essere sposato  con un Barolo proveniente da un altro cru (Le Coste) e dar vita a quel vino che avrà il compito di lenire gli stenti quotidiani di gente di buona volontà (sperando che sia gente in grado di meritarselo).

Nel frattempo si è unito a noi Maurizio Rosso: bella e degna compagnia. E poi giunge Marta, la figlia di Beppe: tutto si fa più normale; Citrico è quasi come si fosse messo di quinta…

Lascio la Cantina con una bottiglia di Nebbiolo 2011: l’ho bevuto con calma a casa mia. E’ un Nebbiolo vinifero, vinoso, antico; affatto (nel senso di completamente) differente dai Nebbiolo che conosco: più carico, più denso, con tannini importanti ma morbidi, rotondi. Mi è paiciuto!

Conosco poco i Barolo Rinaldi e sarei curioso di bere i suoi Freisa e Dolcetto: non mancheranno le occasioni, ne sono sicuro. Certo, mi vien fatto di pensare che se ci sono vini barricati – a me piace definirli legnati, ma comunque senza farsi prendere dall’eccesso di integralismo – qui siamo nel dominio dei vini barricaderi…e, trattando di Barolo, direi che siamo nel giusto.

Non mi dilungo sulla Storia della Famiglia Rinaldi, né entro nel merito dei vini e della produzione: sarebbe tautologico.

O no?

 

 

I Vini di Collisioni 2014, by Made in Piedmont

Ecco, qui sotto le pagine dell’opuscolo pubblicitario di Collisioni in cui sono riportate le Aziende  cui Vini che si potranno gustare (e per certo apprezzare) a Barolo durante Collisioni 2014 (18/21 luglio)
Dunque, salute!

Schermata 2014-06-13 alle 15.13.52Schermata 2014-06-13 alle 15.14.11

Made in Piedmont a Collisioni 2014

Mip_new4BEVIAMO VINO è l’head-line che l’Associazione Made in Piedmont ha scelto per comunicare in maniera semplice e sintetica la decisione di sposare l’evento Collisioni 2014, che avrà luogo in Barolo dal 18 al 21 luglio prossimi.

Made in Piedmont è nata nel 2010 dall’associazione di 52 aziende piemontesi d’eccellenza produttrici di vino: oggi sono diventate 83 e diffondere la cultura del vino di qualità in Italia e nel mondo ne costituisce la mission.

La scelta di appoggiare un evento come Collisioni, giunto con crescente successo alla sua sesta edizione, significa rafforzare, in un contesto di grande interesse culturale a carattere internazionale, lo scopo per cui Made in Piedmont è nata.4 E allo stesso tempo contribuire a incoraggiare un evento che privilegia la presenza sul territorio, e si tratta di Barolo (!), di fruitori il cui numero e la cui grande diversificazione costituisce un fatto di indubbio interesse.

Made in Piedmont, in stretta collaborazione con lo staff di Collisioni, metterà a punto una serie di iniziative di particolare novità e rilevanza e cercherà di veicolare le comunicazioni relative dando priorità, visto il target, soprattutto ai social network.

 

Ufficio Stampa: Vincenzo Reda  redavincenzo@libero.it

Cell. 335 5358828

 

Collisioni 2014 a Barolo

http://www.collisioni.it/it

10417663_573393896111771_429851673081179968_n

Massimo Camia

E’ stato il mio vecchio amico Giovanni Leopardi a insegnarmi  che per capire un cuoco – chef è un termine che comincia a darmi sui nervi – bisogna stare con lui in cucina, e non soltanto. Su nel New England, tra Vermont e New Hampshire ho imparato a osservare un cuoco nel suo ambiente naturale. E poi a far spesa nelle fattorie bio lungo il Connecticut e poi ancora al Radisson di New Delhi e in quelle sterminate cucine indiane con immensi forni tandoori (che significa, appunto, forno…) a cuocere chapati per centinaia di ricchi hindi belli floridi e così tanto colorati.

A Giovanni, che oggi lavora a Baltimora, devo questa passione: stare in cucina con i cuochi e osservare la loro manualità, la precisione, le piccole ossessioni (ognuno di questi ne ha più di una!).

Di cuochi, dunque, ne ho conosciuti, osservati e fotografati tanti e alcuni tra quelli più bravi: a nessuno mai avevo sentito rivolgersi ai sottoposti, in cucina, con: “Per favore….”.
Di Massimo Camia, persona vera prima che grande cuoco, sono rimasto per davvero impressionato. Prima che dalle sue indiscutibili caratteristiche cucinarie, dal suo essere persona gentile, disponibile.

Gli ho richiesto delle preparazioni tradizionali, non tanto perché Massimo è considerato il meglio in questo genere di piatti, quanto perché di questi sono particolarmente appassionato e, soprattutto, intenditore: da come mi viene preparato e presentato un vitello tonnato o un piatto di tajarin capisco di quale livello è il cuoco. Inutile dire che i piatti che mi ha preparato Massimo sono stati più che eccellentI: gusti distinti, sapori combinati come si deve, preparazioni impeccabili, tocchi di genialità nel segno della semplicità. Raccomando l’agnello alla piastra (più che un’emozione) e il vitello tonnato rivisitato (la sua salsa tonnata è qualcosa di indescrivibile). Ma gli agnolotti del plin con il ripieno di vitello sono il meglio; così come le due fettine di fassona ripiene di insalata primavera e rifiniti con il tartufo nero estivo. E l’entrèe, e il pane, e i dolci…

 

Ma di tutte queste cose molti hanno parlato, io non aggiungo nulla di speciale se non la mia personale ammirazione e la raccomandazione, convinta, a frequentare (con calma e con tutti i sensi accesi) questo magnifico ristorante.

A me interessano le storie, e la storia di Massimo è un’altra bella storia. Nato a Dogliani – segno zodiacale della Vergine – e cresciuto a Monforte, mezzo monfortino (papà) e mezzo calabrese (mamma di Gioiosa Jonica, ma romana d’adozione). Alberghiero a Ceres, in giro per ristoranti di hotel, sempre in cucina. In proprio a 26 anni in quel di Mondovì e poi alla Locanda del Borgo Antico di Barolo dove prende la famigerata stella Michelin nel 2001. Intanto aveva conosciuto Luciana, che sposa nel 1989 e che gli regala Iacopo (oggi appena diplomato e fresco iscritto a Architettura a Torino) e Elisabetta che lo ha appena reso felice con la sua decisione di frequentare un istituto alberghiero dopo la licenza media – gli occhi di Massimo, quando racconta questa faccenda, sono gli specchi di un papà raggiante.

La famiglia Damilano era da molto tempo che lo tentava: finalmente, all’inizio del 2013, Massimo e Luciana capitolano e, dopo 7 mesi di lavori importanti, trasformano un angolo del capannone della sede Damilano in un ristorante accogliente e particolare. Inaugurano nel settembre del 2013, la posizione – lochescion è un rumore barbaro – è straordinaria: al primo piano dell’edificio (la strada sottostante è invisibile) le ampie finestre si aprono sui Cannubi e più in alto sui campanili di La Morra. Sono 40/50 coperti a cui se ne aggiungeranno altri 25 con una struttura coperta verso l’interno. In cucina si avvale di 6 collaboratori (con qualche ragazzo, anche straniero, a stage) e in sala c’è Luciana con  Francesco e un altro supporto.

Strepitosa la cantina, soprattutto di Barolo (ricarichi di particolare onestà) e Champagne. Non ho parlato di vini perché di Damilano ho ampiamente scritto (segnalo la sempre eccellente Barbera La Blu 2011) e il Cannubi di Scavino non ha bisogno di commenti.

Dunque, tutto ok? Sì, certo e con la considerazione che se si parla di stelle – a me piacciono soprattutto quelle dei cieli notturni – qui ne manca una.

Poi, qualche appunto lo avrei anche, ma c’entra poco con la cucina e il servizio. E  gli appunti i galantuomini se li comunicano in privato…..

http://www.locandanelborgo.com/index1.php

 

About Piedmont in Unesco World Heritage Sites

Ricordo assai bene quel 18 maggio 2012 a La Morra: ero in compagnia di Angelo Gaja – che fece uno dei suoi proverbiali interventi incisivi - per assistere a questo convegno, durante il quale alcuni architetti del territorio fornivano suggerimenti per riformulare la domanda di ammissione dei paesaggi vitivincoli piemontesi all’elenco dell’Unesco World Heritage Sites. Avevano appena comunicato che la precedente domanda era stata ritenuta non completamente valida.

In buona sostanza: ci avevano rimandati.

Il tempo è trascorso non invano e, alla buon’ora, da oggi siamo a pieno titolo, con non dissimulato orgoglio, parte di questa sorta di diadema di gioielli mondiali.

Ora, a proposito di questa bella faccenda, propongo un bel brindisi a modo mio (il fiocco rosa del Giro d’Italia in Barolo, a maggio 2014) e una considerazione.
Al di là di tutte le vuote parole di circostanza che sentiremo e leggeremo, quest’atto – che è sostanzialmente formale ma che può innescare virtuosi meccanismi di prospettiva – deve semplicemente rappresentare un punto d’inizio e un pungolo che serva a lavorare sempre meglio, a imparare a comunicare verso il Mondo, a imparare ad accogliere sempre più persone (non semplici turisti, di quelli non c’è bisogno) a cui, oltre al resto, saper anche raccontare le Storie importanti delle nostre Terre, dei nostri Prodotti, della nostra Gente.
Salute, amici miei.

Landscapes of Langa, Unesco World Heritage Site
BEVIAMO VINO, Collisioni 2014

BEVIAMO VINO : più che head-line o slogan. Invito, esortazione, consiglio. I vini sono quelli Mip_new4piemontesi: 60 etichette di circa 40 produttori che presentano i loro Barolo, Barbaresco, Nebbiolo, Barbera, Dolcetto, Brachetto, Ruchè, Arneis, Cortese, Favorita, Moscato, Spumante…che sono le melodie dei terroir piemontesi. I nostri spartiti su cui sono scritte le note dei nostri vini: Langhe, Monferrato, Roero…

 

Made in Piedmont porta i suoi vini a Collisioni 2014 e li offre sulle strade fascinose di Barolo. 4 wine bar in cui il vino diventerà musica e le sue armonie si sposeranno con quelle che volteggeranno nell’aria densa di emozioni che si respira ogni anno a Barolo durante Collisioni.

4

E allora ci divertiremo a bere vini che sapremo sentire di volta in volta rock, pop, jazz, classici!

 

Vi aspettiamo tra il 18 e il 21 luglio a Barolo, dunque: salute!

 

Ufficio Stampa: Vincenzo Reda  redavincenzo@libero.it

Cell. 335 5358828

Barolo come lo vedo io

Queste immagini, alcune elaborate, sono state riprese dall’albergo Brezza la notte tra il 21 e il 22 maggio 2014. Poche ore prima dell’arrivo del Giro d’Italia a Barolo.

Il Castello dei Falletti, in notturna, è ancor più affascinante.

A Barolo il Giro d’Italia
Made in Piedmont Landescape: from Langa to Collisioni 2014

http://www.collisioni.it/it/programma/

http://www.madeinpiedmont.eu/

Tra Pasqua e Pasquetta

Tra Pasqua e Pasquetta: tra Torino e Barolo; tra casa Reda e Ristorante Brezza….

Pasqua: reginette al delicato passato di fave secche di Carpino e agnello al forno con Barolo Dagromis di Gaja 2005 e Nebbiolo Santa Rosalia 2011 di Brezza.

Pasquetta: la deliziosa carne cruda con olio e acciughe di brezza, tagliolini con ragout di salsiccia e agnolottini del plin; agnello al fono e coniglio. Il tutto sotto l’egida di una gran Barbera Brezza 2009 Cannubi Muscadet che sapeva di terroir come poche volte m’è capitato di constatare: da questa magnifica Barbera per davvero respiravano e raccontavano storie le spezie e l’eleganza dei Cannubi. Straordinaria!

E poi passeggiata in Barolo. Un Barolo umido e gocciolante ma nientaffatto sgradevole. E visita nello shop di Gianni Gagliardo per salutare Piero Daviso e le mie bottiglie di Preve 2007, sempre magnifiche.

Salute.

Di vino e d’altro ancora al Circolo dei Lettori

Bella serata al Circolo dei Lettori, nella storica sede di Palazzo Graneri della Roccia (1680) in via Bogino, 9 a Torino. Con gli amici Nico Ivaldi, giornalista e scrittore (nelle immagini il primo a sinistra) e il Dr. Giorgio Diaferia, medico e grande batterista jazz (Esagono). In sala molti amici, assai graditi. Tra questi Vincenzo Gioanola di cui abbiamo presentato il cortometraggio Giga, realizzato con l’animazione dei miei quadri dipinti con il vino (e musica di Bach). Ho anche presentato il cd degli Esagono Wine Notes, dedicato ai cru di Barolo.

I vini di Bava

Bava è un’antica famiglia ancor prima che una storica cantina piemontese. Fin dal 1600 presenti sul territorio come agricoltori e produttori di vino, fondarono la loro cantina nel 1911 a Cocconato, paese del Monferrato sulle colline mioceniche tra l’astigiano e il torinese.

Bava è uno di quei casi esemplari che attestano la poca attendibilità delle guide vinifere: i vini di questo produttore godono di un loro quasi totale disinteresse, e c’è un motivo preciso: da queste parti non ci si è mai prestati ai giochini non troppo etici di molti editori (non tutti, intendiamoci) di guide: “Tu mi dai, io ti do“…

E in ogni caso da queste parti le loro oltre 500.000 bottiglie le vendono sempre tutte, senza bisogno che le guide ne parlino e le infarciscano di stelle, bicchieri, grappoli e novantanovesimi troppo spesso elargiti secondo parametri da cui la qualità latita quasi facendosene vanto.

Conosco i Bava, e soprattutto Roberto (dei tre fratelli il manager, essendo gli altri due, Giulio e Paolo, enologi che lavorano con la consulenza di Donato Lanati), da molti anni; per un verso o per l’altro, pur avendo diverse volte bevuto i loro vini, non me ne sono mai occupato con intenti professionali. Fino a oggi.

I vigneti di Bava sono ubicati intorno alla storica sede di Cocconato (Barbera, Albarossa e uve a bacca bianca), a Agliano (Barbera e Grignolino) e Castiglione Falletto (Nebbiolo e Dolcetto d’Alba). Sono un totale di 55 Ha, di cui 5 occupano, con annessa cascina, il Cru Scarrone a Castiglione Falletto.

Ho bevuto e valutato otto dei loro prodotti: RelaisBlanc 2012 (Sauvignon) e Albarossa 2010 in cantina; Stradivario 2007, Barolo 2008, Libera 2011, Grignolino 2012, Malvasia 2012 e ThouBlanc 2012.

Dei due vini bevuti in cantina, mi ha colpito l’Albarossa: è un incrocio tra uve Barbera e Nebbiolo realizzato nel 1938 dal prof. Giovanni Dalmasso. Un vino dal colore intenso e dai profumi fruttati che in bocca esalta i tannini intensi del Nebbiolo ma più morbidi della Barbera: una bella proposta, senza dubbio. Il Sauvignon qui ha dimenticato i suoi troppo famosi profumi di “pipì di gatto” per diventare un vino sempre di buona acidità ma più morbido.

Delle sei bottiglie bevute, con molta calma, a casa mia, prima dei tre su cui mi soffermerò con più cura (Libera, Barolo e Stradivario), devo puntualizzare che mi ha colpito il Grignolino che arriva da Agliano. Ho dei ricordi adolescenti dei vini di Agliano: con mio padre andavamo da Durio, negli anni Settanta, a comprare il vino. Erano vini potenti, dal colore intensissimo, che sapevano di succo d’uva e che talvolta erano leggermente mossi (Grignolino compreso)! Questo di Bava offre uno straordinario e unico profumo di pepe accoppiato al tipico sentore di rosa appassita. Anche il colore è leggermente più carico del normale. 12%vol., ne producono soltanto 3.500 bottiglie (più o meno 12€ a scaffale), purtroppo. Anche lo Chardonnay è un vino piuttosto tipico, con profumi meno invasivi di quelli tipici del vitigno: più floreale e meno fruttato. 20/25.000 bottiglie, 12,5% vol. e circa 10€. La Malvasia di Castelnuovo Don Bosco è un vino dolce e leggermente frizzante di 5,5% vol. che ricorda molto il raro Cari: il famoso “Vino ciularino” di Cavour. Grande piacevolezza, da bere fresco nei pomeriggi d’estate…prima d’infrattarsi a cercare altre piacevolezze cavouriane!

Il Libera è una Barbera di Agliano: 40.000 bottiglie per un prezzo indicativo di 12/13€. Colore rubino carico, note di prugna e ciliegia per una bocca morbida e una lunga persistenza con tenore alcolico non troppo elevato di 13,5% vol., che di questi tempi costituisce un bel pregio.

Con il Barolo 2008 andiamo verso i piani alti. 15.000 bottiglie prodotte nelle vigne di Castiglione Falletto, per un prezzo intorno ai 30€. Barolo dal colore leggermente più carico del normale, con una nota eccezionale di pepe nero (che io assai gradisco) al naso, oltre ai classici sentori di frutta rossa matura. In bocca i tannini sono morbidi e spicca un’eleganza sorprendente per un Barolo ancora giovane. L’alcol si ferma ai 14%vol. per un vino di indubbia classe.

Con lo Stradivario 2007 si arriva all’apice. Pochissime Barbera ho bevute a questo livello. Le uve sono quelle del Bricco della Pieve di Cocconato, con vigna esposta a Sud. Questa Barbera Superiore viene prodotta soltanto quando il millesimo lo permette. Questo 2007 è notevole per davvero: colore rubino carico con lievi riflessi più caldi. Al naso s’impone un profumo di confettura di frutta rossa che inebria, con sfumature lievemente speziate e note di cioccolato. Al palato è un vino armonioso, morbido, largo che rimane a lungo sia in bocca sia in gola. Ne producono 12/15.000 bottiglie con 13,5%vol.: qui il prezzo, come pare giusto, s’inerpica oltre i 30€, ma sono soldi ben spesi.

Per concludere, due puntualizzazioni importanti. La prima: i Bava, a cominciare dal padre Piero, sono attentissimi al rispetto, quello autentico, dell’ambiente. Filari inerbiti, concimazione naturale anche con l’utilizzo delle biomasse, poca solforosa, trattamenti classici e ridotti al minimo, tappi di sughero, utilizzo di vetro e cartone riciclato. E ancora, impianti fotovoltaici e raccolta delle acque piovane con riutilizzo in vigna e cantina.

La seconda: finalmente una cantina che tratta il make-up delle bottiglie con attenzione:  sono rivestite con rara eleganza e molta attenzione alla comunicazione. Mica poco, anche ricordando che qui c’è grande sensibilità per l’arte (musica soprattutto, che con il vino ben s’accompagna).

http://www.bava.com/it/

E’ Cannubi, bellezza!

Cannubi, tra i migliori (se non il migliore) cru di Barolo. Queste sono le uve Nebbiolo a metà settembre: una meraviglia!

Gustazioni guidate a Collisioni 2013

Una vita dedicata al vino e tanta parte di questa vita onorata a curare i prodotti della storica Fontanafredda (nei tempi precedenti all’acquisizione dell’Azienda da parte di Oscar Farinetti): Lorenzo Tablino, enologo fino a ieri e oggi impareggiabile comunicatore.

Ci siamo conosciuti a Collisioni 2012: nella Sala del Professore del Castello di Barolo io tenevo la mia lectio magistralis su vino e letteratura; Lorenzo guidava alcune gustazioni con la sua inarrivabile verve e la competenza di oltre quaranta anni di professionale esperienza.

E ci siamo piaciuti. Una sorta di colpo di fulmine.

E dunque quest’anno ci hanno messi insieme a guidare per due giorni otto (otto!!) gustazioni nella stupenda sala dell’Enoteca del Castello dei Marchesi Falletti: quattro gustazioni al giorno con sei vini ognuna e la sala sempre in over-booking. Lorenzo da tecnico, io da letterato.

E il pubblico pare abbia parecchio apprezzato. Ho venduto molte copie del mio Di vino e d’altro ancora, appena uscito per i tipi delle Edizioni del Capricorno di Torino (aveva già pubblicato, nel 2009, Più o meno di vino). Un momento indimenticabile, per me, è stato quando Ian D’Agata ha letto il mio Decalogo del vino . http://www.vincenzoreda.it/decalogo-del-vino-di-vincenzo-reda/

Quasi 50 vini di cui almeno una trentina di Barolo: Bartolo Mascarello, Brezza, Pio Cesare, Ceretto, Chiarlo, Poderi Colla, Rinaldi, Bersano, Oddero…Il meglio di Langa con qualche visita in Roero, Monferrato e Oltrepò Pavese. E spesse volte i produttori presenti a raccontare le loro storie a volte secolari e sempre uniche

Tra tutti questi Barolo, Barbera, Moscato, Spumanti uno devo citarlo perché non lo conoscevo e l’ho assai apprezzato: il Moscato Passito Seren della Cantina Metilde: un vero portento.

Impegno e fatica enorme per portare a buon fine il duro cimento, ma che grande soddisfazione. Certo, se le gustazioni guidate fossero state un paio al giorno, con più tempo a disposizione il tutto sarebbe stato ancor meglio. Sia per noi sia per il pubblico, sempre attento, ricettivo, propositivo.

In questa magica commistione di musica, letteratura, cultura e vino che si chiama Collisioni, Lorenzo Tablino e Vincenzo Reda ci sono stati bene assai. E con noi il nostro pubblico.

Un grazie di cuore a tutti. E un doveroso arrivederci.

Salute.