Posts Tagged ‘Hasselblad’
Nudi di donna

Queste due immagini sono divise da circa cinque o sei anni: quella a colori è una stampa da diapositiva ripresa nel 1975 in un teatrino di via Carlo Alberto con una Minolta Srt 101 e un obiettivo da 20 mm; la seconda fu scattata nel 1981 per la copertina di un libro di poesie e usai una Hasselblad.

Con le mie macchine fotografiche

Se penso a tutte gli apparecchi fotografici con cui ho avuto in sorte di divertirmi, prima, e di lavorare poi, ho un sacco di rimpianti. Leica M3, Hasselblad 500C e Super wide, Sinar 13×18, Nikon F2, Contax a telemetro, Exakta Rtl 1000,Topcon Super D, Minolta Srt 101, Yashica biottica…..Mi è rimasta questa collezione che ho schierato per onorare l’ultimo arrivo: una Leica digitale, un gioiello stupendo. Ci sono ancora una 9×12 Voigtlander a lastre, una 6×9 di estinta e gloriosa marca tedesca, una Rolleiflex biottica (provenienza Bertazzini), Nikon F, F3, El, Nikkormat e F 60; c’è una Minolta 35 subacquea e una stupenda Zeiss Ikon Icarex 35 con tre ottiche originali. Alcune macchinette 35 da viaggio e una magnifica Minox. Poi le digitali: una HP, una Lumix, una Canon reflex 30D e la Leica. Ovviamente, altrettanto completo è il corredo delle ottiche: dal 25 mm. al 500 mm. E c’è pure una flash professionale.

E’ una bella collezione che cercherò di arricchire.

Mattinata, Gargano (Fg)

La piana degli olivi con la spiaggia e il paese sovrastante, Mattinata – la romana Matinum, nome dovuto al fatto di essere baciata dal sole nascente dall’Adriatico dirimpetto – fotografate con un Hasselblad nel 1983 su supporto diapositivo. Curiosità: le riprese effettuate con l’apparecchio svedese sono riconoscibili dal fatto che sul alto sinistro delle pellicole sono presenti due tacche triangolari.