Posts Tagged ‘Incisoria Baroli’
Tallone Editore: Manuel des Amphitryons di Grimod de la Reyniére

«Un vrai gourmand aime autant faire diète que d’être obligé de manger précipitamment un bon diner» (Un vero goloso ama fare le diete quanto mangiare in fretta una buona cena).
Una citazione dall’Almanach des Gourmands (Parigi 1803) di Alexandre Balthazar Laurente Grimod de la Reynière (Parigi20 novembre 1758 /Villiers-sur-Orge25 dicembre 1837) di cui per i tipi di Tallone Editore è stato pubblicato nel 2015 il Manuel des Amphytrions(Parigi, 1808) in lingua originale e composto con carattere Caslon per 368 esemplari in 4° su carte Fabriano e Magnani. Testo fondamentale della civiltà del convivio e della gastronomia occidentale, il Manuel des Amphitryons fu scritto durante anni dell’Impero, quando a Parigi, scampato il periodo della Rivoluzione e del Terrore, intellettuali, nobili, artisti e amanti delle buon vivere ricominciarono a animare le serate parigine.                                                                                                     Il volume, in lingua francese, con saggi di Armando Torno Gérard Roero di Cortanze, composto a mano con 360.000 caratteri Caslon originali in molti anni di lavoro, rappresenta un primato dell’editoria contemporanea; l’iniziativa e le carte italiane, il testo francese, gli inchiostri tedeschi e i caratteri inglesi, uniscono in quest’opera brillante l’Europa del sapere e del fare. Le 18 tavole, incise sul modello dei rami originali, sono state realizzate dall’Incisoria Baroli di Milano.                                                                                                  Purtroppo, in molti conoscono Brillat-Savarin e quasi nessuno questo straordinario dandy dall’ironia che spesso rasentava il sarcasmo, anche lugubre, che manifestò in alcuni scherzi rimasti memorabili. Di origini nobili, fu cacciato dall’ordine degli avvocati causa un suo libro antinobiliare e questo fatto, probabilmente, costituì il suo salvacondotto durante la Rivoluzione. Ricchissimo e dall’appetito formidabile, era conosciutissimo a Parigi per le sue cene spesso stravaganti. Era piccolo di statura e aveva mani deformi che nascondeva sempre con eleganti guanti. Si può considerare il primo critico cucinario e il suo Almanach (pubblicato in otto successive edizioni tra il 1803 e il 1812) è senza dubbio la prima guida gastronomica in quei tempi in cui stava affermandosi la grande ristorazione come impresa privata. Suo coevo il grande cuoco Marie Antoine Carême Arfäně (Parigi8 giugno 1784/Parigi12 gennaio 1833). A oggi non esiste una traduzione italiana integrale dei lavori di Grimod.

https://www.talloneeditore.com/tallone/

http://www.vincenzoreda.it/i-vini-di-papa-paolo-iii-farnese-raccontati-da-sante-lancerio/

http://www.vincenzoreda.it/la-fisiologia-del-gusto-di-j-a-brillat-savarin/