Posts Tagged ‘Purgatorio canto xxv’
Padre Dante e il vino

Apri alla verità che viene, il petto,         67
E sappi che, sì tosto come al feto
L’articular del cerebro è perfetto,           

Lo motor primo a lui si volge lieto         70
Sovra tant’arte di natura, e spira
Spirito novo, di virtù repleto,                    

Che ciò che trova attivo quivi, tira         73
In sua sustanzia, e fassi un’alma sola,                                                                                                                         Che vive e sente, e sè in sè rigira.      

E perché meno ammiri la parola           76                                                                                                                       Guarda il calor del sol che si fa vino,                                                                                                                         Giunto a l’omor che della vite cola!

(III Edizione Paravia 1960, commentata da Carlo Steiner, con revisione di Maria Dazzi Vasta).

Gli ultimi due endecasillabi della terzina che comincia col verso 76 del XXV canto del Purgatorio -l’ultimo dedicato ai golosi, meglio trattati dei lussuriosi che occupano la VII cornice, l’ultima del Purgatorio dantesco – è citata ovunque, e da cani e porci, per fornire esempio di come il Padre Dante abbia saputo, in maniera impareggiabile, comporre due endecasillabi che sono un capolavoro  della poesia dedicata al vino.

I versi sono quasi sempre riportati fuori del contesto: perché qui Dante del vino fa metafora di anima, a titolo di esemplificazione: se non ti bastano le parole che finora ti ho dette, guarda l’esempio della vite da cui vien fatto il vino a sintesi del calore del sole e delle sostanze della terra.

Dante, come racconta Giovanni Boccaccio, era parco nel bere e nel mangiare: malgrado il gran nasone, l’iconografia classica ce lo riporta sempre come una figura smunta e segaligna, uno che senza dubbio doveva avere dei grandi mal di stomaco. Non è l’Aretino o Rossini o il gran papa Paolo III Farnese che aveva Sante Lancerio come esperto di vini (e di donne).

D’altro canto, come può occuparsi di vino uno sciagurato che considera peggio i golosi che i lussuriosi?. Quando, bestemmiando, definisco sciagurato ( e la sua vita, ahilui, fu purtroppo piena di sciagure) Dante Alighieri, mi riferisco guardando la faccenda da una prospettiva di chi tiene in conto bere e mangiare come due tra le migliori occupazioni umane…..