Barbaresco & Barolo, secondo Paolo Monelli

Barbaresco:

“…così l’oste col vino con cui ha consuetudine di mezzo secolo. «Ecco, così deve essere il barbaresco» dice. «Morbido, ma non dolce; con odor di mammola e vivace colore.». Ma io mi lascio andare alla sforzante grazia del suo nerbo; penso come gli sta bene questo nome che evoca tempi di corruccio e di sdegni, fuste brigantesche per l’assolato mediterraneo, bagliore di armi, e grato posare dopo le armi.[…] Barbaresco: chi ha detto che è un vino effeminato, arrotondato? Se mai, è guanto di velluto con dentro un pugno di ferro; ed ha la generosità dei forti, e penetra nel cuore col passo del buon guerriero. E Barbaresco, il borgo, ha una sua storia millenaria di fiere lotte. In cima al poggio la chiesa ha una mossa nei fianchi, come di bevitrice esilarata. La torre romana si stira nel sole, le si affaccia dal culmine un ciuffo di alberelli. La conserva così arzilla il fiato di questo vino; agita per saluto il ciuffo ai dondolanti colli intorno rigati dalle vigne su campi verdi e bianchi, al Tanaro sotto a perpendicolo grigiazzurro fra vaste golene, ad Alba laggiù dai tetti colori del vino.”

Barolo:

“Questo è il più gran vino del mondo: lo ha detto lo storico Cibrario, esploratore di cantine per tutte le nazioni d’Europa; e bisogna credergli. Ha il colore delle foglie autunnali, il fiato fresco della primavera, diffonde nelle vene un calore di temperata estate. Ne ho fatto il primo assaggio sopra una terrazza collocata fra i vigneti ed il borgo di Barolo, nella luce che il bevitore Carducci chiamava occidua. Barolo è stretto in una valle, le case si arrampicano su per un cocuzzolo dominato dal castello come su un albero di cuccagna in cima al quale ci sia da chiappare il sole.

Il vino barolo dà prima di tutto godimento all’occhio. Questo che bevo è di venerabile età, ha tredici anni; nel suo colore di caldo mattone rivedo le torri bolognesi ardere contro un cielo tempestoso nell’improvvisa schiarita del tramonto. Poi viene il gusto; quel suo modo suadente e pur energico di prender possesso del palato, con saporosa pienezza, con asciutto vigore. È onestissimo. Non dà alle gambe, non dà alla testa, prepara un sonno calmo e senza sogni, la mattina dopo vi svegliate chiedendo  al mondo una battaglia da vincere (è ben questo il vino che Cesare recò in anfore molte a Roma, e annotò il fatto nei suoi  Commentari). Così andai a letto alla Morra dopo aver spento il tepore del barolo con un bicchiere di facile grignolino (il che sarebbe come uscir da una reggia ed entrare nella locanda di fronte; ma una locanda linda, odorosa di spigo, con un letto enorme e fresco).”

One Response to “Barbaresco & Barolo, secondo Paolo Monelli”

  1. Paolo Monelli: Le scarpe al sole | Vincenzo Reda - dipinge col vino Says:

    […] https://www.vincenzoreda.it/barbaresco-barolo-secondo-paolo-monelli/ […]

Leave a Reply