Finalmente DI VIN! My stains book, il Libro delle macchie di vino.

Ritirato il  29 aprile 2021 da Enrico Tallone, dopo circa due mesi di lavoro.                                                                                                  21×24 cm, carta Magnani da 250 gr, 108 pagine, inserito in un cofanetto confezionato a mano di colore blu. Abbiamo deciso di intitolarlo Di Vin e comporre i testi in piombo con il rarissimo carattere Athenaeum, disegnato da Alessandro Butti per la Nebbiolo di Torino negli anni ’50.      Due copie soltanto: una per me e una per l’archivio Tallone. Sono soltanto tre gli scarni testi che introducono le sezioni del libro che, ricordo, è un lavoro eseguito con la tecnica, difficilissima, della macchia. Ci sono più o meno tutte le mie ossessioni. Domani porteremo a Mariuccia il mio libro dipinto con i suoi vini.               Ci saranno anche Enrico Tallone e Piero. Qui sotto alcuni particolari tecnici del volume: costa e cofanetto, dedica, copertina e frontespizio, colophon. La sensazione tattile che dona il rilievo del carattere in piombo che fissa, quasi bacia con sensualità, una carta pregiata (Magnani in questo caso) è qualcosa di indescrivibile.                      Superfluo sottolineare la soddisfazione di Mariuccia quando ha sfogliato il mio libro conoscendo di persona un Maestro come Enrico Tallone. Lorenzino e Piero erano i degni testimoni di un evento piccolino eppure epocale. Prossimamente il volume sarà mostrato, con molta attenzione, a persone che io valuterò abbastanza sensibili per avere il piacere di sfogliare le sofferte e uniche pagine di questo, non mi vergogno di dirlo, capolavoro dedicato a Bianca Bianconi Tallone.                            

Leave a Reply