Posts Tagged ‘Alfabeti di Claudio Magris’
Alfabeti di Claudio Magris

Claudio Magris“Le antologie, come le enciclopedie, sono state fra le mie prime passioni di lettore, sin da quando ero un ragazzo – e come tutte le passioni, per me mai archiviabili – lo sono ancora. In quelle pagine trovavo le cose, i volti, le voci, i sentimenti, i colori, le storie del mondo e mi pareva che il loro autore fosse la realtà stessa, il coro di chi la vive, la costruisce, la patisce o la ama. Non sapevo che comporre un’antologia potesse essere una creazione letteraria e intellettuale non meno originale e personale di un romanzo o di un saggio; ignoravo per esempio che Americana, l’antologia di Vittorini, era stata più importante, per la cultura italiana, di tanti testi d’invenzione. Anche a scuola ho amato le antologie – alcune, perché ce n’erano pure di cattive, banali e abborracciate – che mi hanno dischiuso dei mondi e fatto capire l’importanza culturale, critica e fantastica di questo vero e proprio genere letterario, che può contribuire fortemente alla formazione di un individuo, di una generazione e dunque della società in cui quest’ultima vive e opera.       Aldo Giudice, morto esattamente tre anni fa nella nostra Torino, è autore di grandi antologie, anche se non lo ricordiamo soltanto per questo…..” (Da “L’antologia dimenticata” – Corriere della Sera 3/2/2005).

Claudio Magris, triestino del 1939, mi ha dato con questa straordinaria raccolta di scritti (circa dieci anni di articoli sul Corriere della Sera, tra la fine del ‘900 e il 2008) non un viaggio nella letteratura ma un’immersione totale nelle gore invischianti delle letterature; un’immersione sempre lucida, sempre appassionata, sempre di prospettive sorprendenti e dialettiche. Pur se le sue pagine grondano cultura mitteleuropea come poche altre, da ogni pozza letteraria in cui egli si tuffa riesce a trarre parole che stimolano il pensiero. Alfabeti (Edizioni Garzanti) è un libro importante, ingombrante: uno di quei libri che si tornano a leggere più volte. Ci ho messo più tempo del solito a completarne la prima lettura, ma ho scoperto un testo che mi sarà compagno a lungo. E un autore, poco frequentato – un altro dei tanti, ahimé – di cui almeno Danubio e Microcosmi dovrò nel prossimo futuro affrontare.

“E’ uno scrittore classico che racconta la dissoluzione di ogni classicità e di ogni lineare nettezza in un labirinto in cui tutto si aggroviglia; un maestro che ha creato strutture narrative tortuose e complesse come la vita che raccontano, riscattando così una certa retorica, una certa lutulenta enfasi linguistica  o altri limiti della sua scrittura – per esempio impappinata dinanzi al sesso, come altri grandi scrittori «coloniali», forse intimoriti dalle mescolanze e dai meticciati d’ogni genere che eros scatena.                    Il mare, per Conrad, è come la vita; incanto e orrore, abbandono e naufragio, consunzione, immortalità, distruzione. Nascere, dice Stein in Lord Jim, è come cadere in mare e bisogna farsi sostenere dal mare senza fondo. Non c’è un fondamento saldo su cui poggiare; non ci sono feudi o filosofie precise che garantiscano la scelta e le bontà delle azioni . Come Conrad, forse noi non sappiamo perché sia giusto essere fedeli e leali, combattere piuttosto che disertare, ma, come lui, in qualche modo sappiamo che è giusto.” (Da “Conrad: nascere è cadere in mare” – Corriere della Sera, 12/8/2003)