Posts Tagged ‘canzone dialettale piemontese’
PËR DËSMENTIE’ IJ SAGRIN (Per scordare i dispiaceri) canzone in piemontese di Roberto Balocco

PËR DËSMENTIE’ IJ SAGRIN (1969)

 

Për dësmentié ij sagrin

beivìa tuti ij dì

un bon bicer ëd vin,

e ‘l mond ‘m piasìa ‘d pì;

però pi passa ‘l temp

pì ‘l mond diventa brut:

l’hai pijà provediment,

‘n litrot lo bèivo tut.

 

 

Un lìter ëd vin bon

mi i bèivo tuti ij dì

për dësmentié che i son

mariame ansema a ti;

ma’d ti na vëddo tre

quand ch’i son bel pien:

purtròp còsa a peul fé

ël vin contra ‘l velen.

 

Sai nen cò i l’hai beivù

për dësmentié Lorens.

L’è n’òmo pien ‘d virtù,

m’amprësta ‘d sòld  sovens:

chi lo podrìa pensé

che pròpe mè amis

l’è col ch’am fa porté

j’arme dë Stupinis.

 

Dòp na bota nas e orije

as anvisco, i son lì lì;

dòpo doe ‘m fico a rije,

bon-a neuit, son già partì.

 

Doi  lìter ëd vin bon

mi i bèivo tuti ij dì

për dësmentié ‘l padron,

më sfruta sempre ‘d pì;

se spusso ëd vinass

però l’è ancora pes:

am nufia, ‘s vèd ch’a-j pias,

e am ciucia ‘l sangh istess.

 

Doe bote sors a sors,

e forse l’è ‘ncor pòch,

për dësmentié ij discors

ch’a fan certi fabiòch:

a son mach bon a crijé:

“Lavoro uguale pan”:

noi autri giù a sëmné,

e lor a cheuje ‘l gran.

 

Doe bote a basto pa

për dësmentié chi a dis

“giustissia e libertà”

e a rij sota ij barbis;

‘t lo fica ‘nt ël griseul,

viva la libertà!

A cacia pi ch’a peul:

giustissia? Si farà, si farà …

 

Se mi i cimpo ancora na bota,

ciao che ‘t diso, son finì;

la mia bocca si fa muta,

casco an tera e bogio pì.

 

Për dësmentié ij sagrin

Mi i cimpo adess come adess

Tre lìter circa ‘d vin,

ma ‘l mond l’è sempre pes;

ij mè guai a finiran

e mi i sarai a pòst

quand ch’am anfileran

un bel pigiama ëd bòsch.

 

(Traduzione italiana) PER SCORDARE I DISPIACERI

Per dimenticare i dispiaceri / bevevo tutti i giorni / un buon bicchiere di vino, / e il mondo mi piaceva di più; / però più passa il tempo / più il mondo diventa brutto: / ho preso provvedimenti, / un litro lo bevo tutto. / Un litro di vino buono / mi bevo tutti i giorni / per dimenticare che sono / sposato insieme a te; / ma di te ne vedo tre / quando sono ben pieno: / purtroppo cosa può fare / il vino contro il veleno. / Non so cosa ho bevuto / per scordare Lorenzo. / E’ un uomo pieno di virtù, /mi impresta soldi sovente: / chi lo potrebbe pensare /che proprio quel mio amico / è chi mi fa portare / un grosso paio di corna./ Dopo una bottiglia naso e orecchie / si accendono, son mezzo finito; / dopo due mi metto a ridere, / buona notte, son già partito. / Due litri di vino buono / mi bevo tutti i giorni / per dimenticare il padrone, / mi sfrutta sempre più; / se puzzo di vinaccio / però è ancora peggio: / mi annusa, si vede che gli piace / e mi succhia il sangue lo stesso. / Due litri presi a sorsi, / e forse son pochini, / per scordare i discorsi / che fan certi cretini; / sono solo capaci a gridare: / “Lavoro uguale a pane “: /noialtri giù a seminare / e loro a cogliere il giorno. / Due litri mica bastano / per dimenticare chi dice / “giustizia e libertà “ / e ride sotto i baffi, / te lo mette nel sedere, /viva la libertà! / Ruba più che può: / giustizia? Si farà, si farà… /Se io bevo ancora una bottiglia, / ciao ti dico, son finito; / la mia bocca si fa muta, / casco in terra e non mi muovo più. / Per dimenticare i dispiaceri / io bevo adesso / tre litri circa di vino, / ma il mondo è sempre peggio ; / i miei guai finiranno /ed io andrò a segno / quando mi infileranno / un bel pigiama di legno.