Posts Tagged ‘Domenico Piro’
Cazzeide/Cunneide di Duonnu Pantu

CAZZEIDE

[…]

Dunca, futtiti vue mo quatrarazzi,

scialativìla ccu’ ‘sti cunnarizzi,

sciacquativìli vue ‘sti cugliunazzi

e a Venere mannati li pastizzi,

‘nnarvulàtili e sparmatìli ‘sti cazzi,

chiantàti corna ppe tutti ‘sti pizzi;

jati gridannu ppe’ tuttu lu munnu:

Viva lu cazzu, lu culu e lu cunnu!

[…]

E mo curre nu sièculu puttanu,

ppe’ nun dire nu sièculu curnutu,

n’età chi nun se trova cunnu sanu

né culu chi nun sia statu futtutu.

le fimmine tè ‘mpàcchianu de manu

le ppigli’ lu diavulu pinnutu:

pigliàu de càudu forte la sajime

e curre cùomu jume la sparcime.

CUNNEIDE

[…]

Farrìa cchiù pieju de Sardanapalu:

ppe’ ‘sti chiani e sti margi le sversèra

e cùomu pùorcu mi cce ‘mbruscinèra,

chi ‘ngualu ‘ngualu.

Cattive, maritate e schette io pigliu,

‘ncamate, ricche, nuobili e frabutte,

e giuvinelle, vecchie, belle e brutte,

cuòmu nu nigliu.

La nìvura, la brutta me cunforta,

la janca ccu’ la russa me ‘nnamura

e tante vote me minte ‘nnavannura

la faccie smorta.

L’àuta, la vàscia, la macra, la grassa,

la pietti sicca ccu’ la minnicuta,

la culi stritta, la cularinùta

‘st’anima passa.

‘St’anima passa e lu core me ‘nchiaga

la dissapita ccu’ la graziusa,

e la mudesta e la murriculusa

tuttu m’ammaga.

A mie fa fare due parmi de mazza

la calvanista ccu’ la luterana,

l’ebrea, la mora ccu’ la maumettana

ed ogni razza.

‘Ncipullu forte e fortemente arrittu

ccu’ cchi l’ha svanu e ccu’ chi l’ha pilusu,

ccu’ chi l’ha ‘nzaccanatu lu pertusu

o largu o strittu.

De primavera, autunnu, viernu e ‘state,

matìna e sira, de jurnu e  de notte

spànticu ppe’ chiavare quattru botte,

due strippunate.

Chiaverrìa, me cunfiessu, ppe’ ’ste vie,

ppe’ ’sti margi, ’sti chiani, e ’sti valluni,

ppe’ ’ste spinara e ppe’ ’sti cafarùni

farrìa pazzie.

[…]

Chine mantène la gente e le regna?

Chine fa tanti papi e cardinali,

tanti rre, ‘mperaturi e uffiziali cchiù ca la fregna?

[…]

Autore di questi due lunghi poemetti è il mitico e favoloso Duonnu Pantu, alias Domenico Piro, prete e poeta nato a Aprigliano il 14 ottobre 1660 e morto nel 1696.

Aprigliano è il paese più vicino a Pietrafitta, dove io sono nato.

Un posto di assoluto rilievo deve occupare, tra i miei poeti, questo prete svergognato e talentuoso.

A Pietrafitta c’era, e ancora c’è ma non più attivo, un convento di Frati Minori: tutti gli abitanti maschi di Pietrafitta erano comunisti e mangiapreti; quasi tutte le abitanti di Pietrafitta erano bigotte.

L’eroe era Duonnu Pantu: prete sacrilego perché amava e cantava “futtisteru, culu e cunnu”. E le storie su questo gran maialone e ubriacone di prete hanno condito la mia infanzia.

Rammento che cunnus, 4° declinazione latina, è il sostantivo che indica la topina, o come assai meglio la definiva il mio grande papà: “Lu tupinaru”, e tupinaru significa talpa: nera, pelosa e cieca.

La Cazzeide è un componimento in endecasibili composti in ventuno ottave e, in buona sostanza, canta un “secolo puttano”, decadente e corrotto in cui tutti fottono tutti, in tutti i posti e in ogni momento.

La Cunneide è un inno alla fica, un elogio colto, totale e svergognato; sono tutte fiche: quelle belle e quelle brutte, quelle alte e quelle basse, quelle giovani e quelle vecchie, quelle grasse e quelle magre. L’assunto, eterno e incontestabile, è che la fregna è motore del mondo. Ho messo in risalto la quartina in cui il prete svergognato dice a chiare lettere che lo eccitano tantissimo calviniste, musulmane, ebree, nere: purché siano fiche, che valgono razze e religioni (ricordo che siamo nella seconda metà del Seicento…)?

E pensare che questi luoghi sono quelli in cui visse e morì – 1202, in località Canale a Pietrafitta – Gioacchino da Fiore e, pochi decenni prima della vita di Duonnu Pantu, fu catturato a Celico Tommaso Campanella.

Per quanto mi riguarda, m’interessa meno la vicenda storica del prete libertino – di cui si conosce poco o nulla – che la sconfinata aneddotica che i compaesani hanno sviluppato nel corso dei secoli. Sono i racconti delle mitiche imprese del prete che mi attraggono: mio padre mi raccontava storie per davvero incredibili; purtroppo, mio papà non c’è più e, come succede quasi sempre, non ho fatto in tempo a registrare in maniera sistematica questi racconti favolosi. Se qualcuno è in grado di aiutarmi in questo senso, avrà la mia gratitudine perenne.

Duonnu Pantu sul letto di morte

Questa è una delle mitiche storie che mio padre soleva raccontare sul Prete Poeta e porcellone.

Le fonti storiche dicono che egli morì intorno ai trentasei anni, più o meno, ma l’immagine che io ricordo dal racconto era quella di un vecchio in agonia, steso sul letto e circondato da prefiche e beghine, vecchie e giovani, piangenti, preganti, supplicanti e nerovestite.

Non è diffide immaginare che il Prete morente, avendo per fine quello di procedere al bene delle proprie parrocchiane – com’ebbe egli stesso a mettere chiaro e forte in versi -, non solamente le avesse tutte comunicate e confessate e benedette: certo i conforti, con tutte – belle e brutte, giovani e vecchie, grasse e magre, sposate vedove e zitelle – dovevano essere stati totali, senza risparmio e senza requie, a ogni ora del giorno e della notte, in ogni luogo dove l’impellenza del momento ne dettasse l’urgenza.

Quando s’era ormai quasi alla fine e il morente pareva non dare più segni di vita, a una delle povere devote piangenti e sconsolate capitò di non trattenere un filo d’aria…

Mio padre non seppe mai specificare se ci fu effetto sonoro o se il soffio interessò le nari dell’assemblea vegliante: questo particolare è avvolto nel mistero.

Fatto si è che la faccenda produsse il miracolo di risvegliare improvvisamente il Poeta morente.

Gli occhi chiusi, certo, ma il volto si sciolse come in un vago, impercettibile compiacimento e, in un sussurro appena appena udibile, egli farfugliò:

“Chi è che mi chiama con questa vocina suadente e sensuale. Chi è che mi vuole.

Chi è che mi anela…..”

Furono le sue ultime geniali parole.

Mi ricorda il testamento di Abu Nuwas: seppellitemi, dice, vicino alle vigne e alle cantine, così che possa sentire, quando si pigia l’uva, il calpestio dei piedi – è il momento in cui nasce il vino.

E mo chi sì Puetune, anzi Puetazzu,

Famme na rima a stu grupu de culu,

E nu suniettu a stu curmu de cazzu.

(Da Suniettu, di Duonnu Pantu alias Domenico Piro)