Posts Tagged ‘Fafiuchè’
FAFIUCHE’

Andare a Roma significa comunque vedere il mio amico Andreas e vedere il mio amico Andreas ormai implica un pasto con abbondante bevuta alla Taverna Romana, di cui ho già scritto qui e sul mio ultimo libro. Per la verità, ogni volta varrebbe la pena di aggiungere qualcosa e non sarebbero parole sprecate in ogni caso.

Ma stavolta, oltre la solita cena – presenti mia moglie Margherita e la figlia di Andreas, Rebecca: dunque abbiamo dovuto rimanere entro limiti che di solito, quando siamo tra di noi, tendiamo a superare….- il digestivo è consistito in una bella bottiglia di Barolo (mica ricordo quale…) bevuta nel locale che sta quasi dirimpetto nella stessa via: il locale si chiama Fafiuchè, ovviamente appartiene a un piemontese…

Fafiuché è un’antica parola del dialetto piemontese, di cui ormai quasi nessuno conserva memoria, che è intraducibile se non ricorrendo a una circonlocuzione o perifrasi: dicesi di persona eccentrica, un poco stramba che magari racconta storie strane, uno che (alla lettera) “fa nevicare”.

Andrea, torinese, sono circa otto anni, approdò in Roma per aprire un bar-ristorante-enoteca caratterizzato da bevande e cibi piemontesi (e anche un poco pugliesi): e si portò appresso questa magnifica parola piemontese, credo attribuendosi le caratteristiche proprie di un “fafiuchè“. Formidabile, direi.

Chiaro che Andrea è una persona di gran simpatia, poco piemontese e un poco più romana. La carta dei vini offre prodotti di gran qualità (eccellenti le etichette di Barolo, Barbaresco e Nebbiolo con ampia possibilità di scelta e prezzi buoni): del cibo non posso parlare perché ho soltanto bevuto, e bene.

La prossima volta a Roma dovrò per necessità rivisitare con più tempo il Fafiuchè di Andrea.

Salute.

www.fafiuche.it

https://www.vincenzoreda.it/tavern-romana-con-andreas/