Posts Tagged ‘ficu crucette’
Dolci tradizionali calabresi

Crustuli, turdilli, pitte ‘nfigliate, ficu crucette: sono tutti dolci tradizionali abbastanza tipici del sud che cambiano nome a seconda delle zone: struffoli e cartellate sono i più diffusi. Sono dolci a base di farina, uova e miele con ripieni di marmellata, frutta secca e pinoli.

Di antichissima origine, forse greca: rappresentano le tradizioni dolciarie delle feste natalizie.

Più tipiche calabresi sono le pitte, ovvero strisce di pasta sfoglia arrotolate in tondo e ripiene di marmellata e/0 di frutta secca. Altra specialità peculiare calabrese è costituita dai fichi secchi e, in questo caso, ripieni di noci; si chiamano ficu crucette e sono 4 fichi secchi, aperti a metà, ripieni di noci e composti in croce: semplicemente deliziosi ed erano anni che non li mangiavo.

Tutti questi dolci, torrone di mandorle caramellate compreso, mi arrivano da Cirò, dalla mia adorata cugina Fortunata. Soltanto le cartellate – crustuli, nel dialetto silano – sono state preparate a Torino da mia moglie, torinese che ha imparato a cucinare assai bene alcuni di questi dolci tradizionali calabresi.

Quest’anno li ho gustati bevendoci insieme un vino particolarissimo di De Conciliis (Cilento): si chiama Misterioso, omaggio del mio amico Matteo, La Tana del Re.

In bottiglia da 500 cc. è un vino di cui non so nulla, la zona è quella dell’Aglianico cilentano, ma il vino è senza dubbio un uvaggio spremuto da frutti raccolti tardivamente, 14% vol. Non è più vecchio di un paio d’anni e presenta sentori tipici di un vino bio o bio-dinamico con acidità spiccata, molto secco, bei tannini e un colore rubino di particolare intensità. Un accompagnamento direi azzeccato. Mi riprometto di indagare meglio questo Misterioso: viste le circostanze, nome quanto mai appropriato!