Posts Tagged ‘Giovanni Vincenzo Virginio’
La Tana del Re, immagini dell’inaugurazione della mia mostra

Qui sopra le immagini e il depliant che illustra la mia  mostra, completa delle installazioni in cristallo e stoffa – Tavolvino, Scacchiera e Sindone Profana – presso il ristorante La Tana del Re, in via Giovanni Vincenzo Virginio, prima traversa a sinistra della via Po. Ottimo ristorante, di cui ho già trattato in questo sito, e posto suggestivo in una via dalle mille suggestioni. Sono certo che avrò molte soddisfazioni da questo mio ennesimo show: questa zona di Torino costituisce una parte importante della mia vita. In questo posto, e in questa mostra confluiscono una serie di fatti che sono altrettante pietre miliari della mia ormai lunga strada. Tommaso Campanella e Luigi Firpo, l’Iran e Khayyam, Vincenzo Vita il Fiano Minutolo il Susumaniello e la Puglia, Paestum e il Cilento, e non basta……

Piemonte – La storia a tavola, Michele Ruggiero

Non sono frequenti, nel panorama editoriale italiano che riferisce all’enogastronomia, i libri che di queste faccende trattano con ottica antropologica o storica; purtroppo, una percentuale altissima di pubblicazioni sono da ascrivere a meri ricettari privi di alcun valore.

Questo librino, al contrario, è uno dei pochi lavori che guarda alla cucina, a tutto tondo, come a una storia di uomini, di terre, di movimenti di popoli, di incontri di culture diverse, di guerre, di carestie, di innovazioni tecnologiche e colturali.

Michele Ruggiero, eporiedese, è un docente di Storia risorgimentale con oltre 40 anni di pubblicazioni di alto profilo alle spalle.

Questo lavoro è accurato, documentato (con una bibliografia vasta e di notevole interesse che arricchisce il volume, come sempre dovrebbe succedere), di facile e scorrevole lettura. Alcuni personaggi noti e altri misconosciuti (Giovanni Vialardi, Francesco Cirio, Antonio Benedetto Carpano sono conosciuti da tutti, ma Giovanni Vincenzo Virginio chi lo ha mai sentito nominare?) sono citati e descritti con dovizia di riferimenti storici, così come la genesi e l’evoluzione di molti piatti che oggi caratterizzano la tipicità della cucina piemontese è trattata al meglio, sempre partendo da un’ottica che è storica e antropologica.

Un librino da consigliare, utile assai e da tenere in biblioteca per essere consultato e citato alla bisogna. In ogni caso, una bella lettura anche per chi di cucina poco o punto intende.

Piemonte – La storia in tavola.

Michele Ruggiero,  Collana La Bela Gigogin, Edizioni Gioventura Piemontèisa 2007

Pp. 175, 19,00 €