Posts Tagged ‘Italo Calvino’
Sotto il sole giaguaro

E’ stato il primo libro postumo di Italo Calvino, pubblicato nel 1986, pochi mesi dopo la sua morte prematura. L’introduzione, sul risvolto di copertina, è di Giorgio Manganelli. La mia è la prima edizione, Garzanti del maggio del 1986. Il librino è composto da tre racconti dedicati ai sensi dell’odorato, del gusto e dell’udito.

Sotto il sole giaguaro è il secondo racconto, dedicato al gusto. E’ quasi il resoconto di un viaggio in Messico e, allo stesso tempo, un viaggio negli intricati e affascinanti percorsi dei sapori, di certi sapori…fino al sapore estremo: la carne umana.

Questo racconto è fra i capolavori di Italo Calvino, come pure gli altri due che fanno parte di questo piccolo libro dimenticato,  pur tra i tanti memorabili suoi.

Ne cito alcuni passi che trovo straordinari.

“Ecco, ero insipido, pensai, e la cucina messicana con tutta la sua audacia e fantasia era necessaria perché Olivia potesse cibarsi di me con soddisfazione, i sapori più accesi erano il complemento, anzi il mezzo di comunicazione indispensabile come un altoparlante che amplifica i suoni perché Olivia potesse nutrirsi della mia sostanza. «Può darsi che io ti sembri insipido», protestai,«ma ci sono gamme di sapori più discrete e contenute di quelle dei peperoncini, ci sono aromi sottili che bisogna saper cogliere!». «L cucina è l’arte di dar rilievo ai sapori con altri sapori». replicò Olivia, «ma se la materia prima è scipita, nessun condimento può rialzare un sapore che non c’è».[…] Discesi, risalii alla luce del sole-giaguaro, nel mare di linfa verde delle foglie. Il mondo vorticò, precipitavo sgozzato dal coltello del re-sacerdote giù dagli alti gradini sulla selva di turisti con le cineprese e gli usurpati sombreros a larghe tese, l’energia solare scorreva per reti fittissime di sangue e clorofilla, io vivevo e morivo in tutte le fibre di ciò che viene masticato e digerito e in tutte le fibre che s’appropriano del sole mangiando e digerendo. Sotto la pergola di paglia di un ristorante in riva a un fiume, dove Olivia m’aveva atteso, i nostri denti presero a  muoversi lentamente con pari ritmo e i nostri sguardi si fissarono l’uno nell’altro con un’intensità di serpenti. Serpenti immedesimati nello spasmo d’inghiottirci a vicenda, coscienti d’essere a nostra volta inghiottiti dal serpente che tutti ci digerisce e assimila incessantemente nel processo d’ingestione e digestione del cannibalismo universale che impronta di sé ogni rapporto amoroso e annulla i confini tra i nostri corpi e la sopa de frijoles, lo huacinango a la veracruzana, le enchiladas….”.

Senza parole!