Posts Tagged ‘jack la caienne’
Giancarlo Fulgenzi

Giancarlo Fulgenzi è un mio amico, o meglio: sono assai orgoglioso di poter affermare che Giancarlo è un mio amico: voglio bene a quest’uomo – non mi si fraintenda: siamo tutti e due incorreggibili eterosessuali (ci piacciono tette e culi e soprattutto teste). Oggi, vecchio venerabile, ogni tanto scrive e scrive bene: mi ha mandato queste parole che mi ha autorizzato a pubblicare sul mio sito. Sono orgoglioso di ospitare le parole di Giancarlo Fulgenzi, di cui ho già scritto e di seguito segnalo i link.

https://www.vincenzoreda.it/giancarlo-fulgenzi-e-il-suo-steccheto/

https://www.vincenzoreda.it/una-vita-invertita-giancarlo-fulgenzi/

“Era il 1968 quando con un fiore di carta potevi catturare l’attenzione e far volare i pensieri di migliaia di persone.Si era in prossimità o c’ era stato da poco , del Festival di San Remo. Avevo avuta l’ idea di quei grandi fiori di carta ricordando quelli , molto più piccoli e meno appariscenti che le donne preparavano quando doveva passar la processione o per addobbare la casa sotto Pasqua.Poi c’erano quelle belle carte pieghettate che vedevo dai fiorai e mi avevano stuzzicato la fantasia.Alla Fulgenzi era ormai un classico il recupero di materiali poveri e normali per creare qualcosa di nuovo e dimostrare ancora che la bellezza stà spesso e specialmente nelle cose semplici.

In America mi invitavano alla televisione per partecipare agli spettacoli della mattina per stupire le massaie americane con quei grandi fiorelloni che riuscivo a tirar fuori dal nulla in poco più di due minuti. In Sud Africa più intelligentemente pensarono che poteva essere un modo piacevole per far utilizzare le mani a tutti quei ragazzi che avevano un handicap e cosi mi ritrovai ad insegnare in un ospedale specializzato nel recupero utilizzando sistemi che univano impegno e passatempo. Con le ciclette i pazienti azionavano seghetti da traforo e intaglavano figure di legno e vassoietti, i giocatori di scacchi facevano i loro esercizi per le dita giocando ma…semplicemente prendendo le pedine con delle mollette la cui resistenza veniva via via graduata. Io insegnavo ai ragazzi a far fiori anche se le condizioni di alcuni erano veramente difficili

A Firenze, nell’ esclusivo e severissimo collegio di Poggio Imperiale, invece molte studentesse furono punite e consegnate senza libera uscita perchè avevano osato addobbare le loro camerette con i fiori di Fulgenzi.

A Milano organizzammo una grande festa, per questi fiori, al Santa Tecla che allora era gestito dal mitico Jak La Cayenne, proprio dietro a piazza Duomo..Festeggiammo alla grande e tutti ebbero un grande fiore come segno di libertà e gioia di vivere. Fu una festa generale. Vennero anche tutti i cantanti famosi del momento per farsi fotografare con i nostri fiori.

Spesso cerchiamo soluzioni strane e difficili e invece basta un pò di fantasia ed un buon progetto.Molte aziende oggi dovrebbero riflettere: spesso la soluzione è più semplice di quanto non ci aspettiamo, e questo probabilmente è proprio il momento di riconsiderare con entusiasmo progetti che apparentemente sembrano troppo semplici ma che coltivati con determinazione ed intelligenza possono portare a grandi successi. Rinunciare per seguire i soliti sogni di grandezza potrebbe rivelarsi un errore imperdonabile.”.