Posts Tagged ‘Lo Guarracino’
La Canzone del Guarracino, un gioiello del XVIII secolo

 

La Canzone del Guarracino, Edizioni De Luca, Salerno

La Canzone del Guarracino, Edizioni De Luca, Salerno

 

 

 

 LO GUARRACINO

 Lo Guarracino che jéva pe mare

 le venne voglia de se ‘nzorare,

 se facette no bello vestito

 de scarde de spine pulito pulito

 cu na perucca tutta ‘ngrifata

 de ziarèlle ‘mbrasciolata,

 co lo sciabò, scolla e puzine

 de ponte angrese fine fine.

 

 Cu li cazune de rezze de funno,

 scarpe e cazette de pelle de tunno,

 e sciammeria e sciammereino

 d’àleche e pile de voje marino,

 co buttune e bottunera

 d’uocchie de purpe, sécce e fèra,

 fibbia, spata e schiocche ‘ndorate

 de niro de secce e fele d’achiate.

 

 Doje belle cateniglie

 de premmone de conchiglie,

 no cappiello aggallonato

 de codarino d’aluzzo salato,

 tutto pòsema e steratiello

 jeva facenno lo sbafantiello,

 e gerava da ccà e da llà;

 la ‘nnammorata pe se trovà!

 

 La Sardella a lo barcone

 steva sonanno lo calascione;

 e a suono de trommetta

 ieva cantanno st’arietta:

 “E llaré lo mare e lena

 e la figlia da siè Lena

 ha lasciato lo  nnamorato

 pecché niente l’ha rialato”.

 

 Lo Guarracino ‘nche la guardaje

 de la Sardella se ‘nnamoraje;

 se ne jette da na Vavosa

 la cchiù vecchia maleziosa;

 l’ebbe bona rialata

 pe mannarle la mmasciata:

 la Vavosa pisse pisse

 chiatto e tunno nce lo disse.

 

 La Sardella ‘nch’a sentette

 rossa rossa se facette,

 pe lo scuorno che se pigliaje

 sotto a no scuoglio se ‘mpizzaje;

 ma la vecchia de vava Alosa

 sùbeto disse: “Ah schefenzosa!

 De sta manera non truove partito

 ‘ncanna te resta lo marito.

 

 Se aje voglia de t’allocà

 tanta smorfie nonaje da fa;

 fora le zeze e fora lo scuorno,

 anema e core e faccia de cuorno”.

 Ciò sentenno la sié Sardella

 s’affacciaje a la fenestrella,

 fece n’uocchio a zennariello

 a lo speruto ‘nnammoratiello.

 

 Ma la Patella che steva de posta

 la chiammaje faccia tosta,

 tradetora, sbrevognata,

 senza parola, male nata,

 ch’avea ‘nchiantato l’Alletterato

 primmo e antico ‘nnamorato;

 de carrera da chisto jette

 e ogne cosa ‘lle dicette.

 

 Quanno lo ‘ntise lo poveriello

 se lo pigliaje Farfariello;

 jette a la casa e s’armaje a rasulo,

 se carrecaje comm’a no mulo

 de scopette e de spingarde,

 póvere, palle, stoppa e scarde;

 quattro pistole e tre bajonette

 dint’a la sacca se mettette.

 

 ‘Ncopp’a li spalle sittanta pistune,

 ottanta mbomme e novanta cannune;

 e comm’a guappo Pallarino

 jeva trovanno lo Guarracino;

 la disgrazia a chisto portaje

 che mmiezo a la chiazza te lo ‘ncontraje:

 se l’afferra po crovattino

 e po lle dice: “Ah malandrino!

 Tu me lieve la ‘nnammorata

 e pigliatella sta mazziata”.

 Tuffete e taffete a meliune

 le deva pàccare e secuzzune,

 schiaffe, ponie e perepesse,

 scoppolune, fecozze e conesse,

 scerevecchiune e sicutennosse

 e ll’ammacca osse e pilosse.

 

 Venimmoncenne ch’a lo rommore

 pariente e amice ascettero fore,

 chi co mazze, cortielle e cortelle,

 chi co spate, spatune e spatelle,

 chiste co barre e chille co spite,

 chi co ammènnole e chi co antrite,

 chi co tenaglie e chi co martielle,

 chi co torrone e sosamielle.

 

 Patre, figlie, marite e mogliere

 s’azzuffajeno comm’a fere.

 A meliune correvano a strisce

 de sto partito e de chillo li pisce

 Che bediste de sarde e d’alose!

 De palaje e raje petrose!

 Sàrache, diéntece ed achiate,

 scurme, tunne e alletterate!

 

 Pisce palumme e pescatrice,

 scuórfene, cernie e alice,

 mucchie, ricciòle, musdee e mazzune,

 stelle, aluzze e storiune,

 merluzze, ruóngole e murene,

 capodoglie, orche e vallene,

 capitune, aùglie e arenghe,

 ciéfere, cuocce, tràccene e tenghe.

 

 Treglie, trèmmole, trotte e tunne,

 fiche, cepolle, laúne e retunne,

 purpe, secce e calamare,

 pisce spate e stelle de mare,

 pisce palumme e pisce prattielle,

 voccadoro e cecenielle,

 capochiuove e guarracine,

 cannolicchie, òstreche e ancine,

 

 vòngole, còcciole e patelle,

 pisce cane e grancetielle,

 marvizze, màrmure e vavose,

 vope prene, vedove e spose,

 spìnole, spuónole, sierpe e sarpe,

 scàuze, nzuóccole e co le scarpe,

 sconciglie, gàmmere e ragoste,

 vennero nfino co le poste,

 

 capitune, sàure e anguille,

 pisce gruosse e piccerille,

 d’ogni ceto e nazione,

 tantille, tante, cchiù tante e tantone!

 Quanta botte, mamma mia!

 Che se dévano, arrassosia!

 A centenare le barrate!

 A meliune le petrate!

 

 Muorze e pìzzeche a beliune!

 A delluvio li secozzune!

 Non ve dico che bivo fuoco

 se faceva per ogne luoco!

 Ttè, ttè, ttè, ccà pistulate!

 Ttà, ttà, ttà, llà scoppettate!

 Ttù, ttù, ttù, ccà li pistune!

 Bu, bu, bu, llà li cannune!

 

 Ma de cantà so già stracquato

 e me manca mo lo sciato;

 sicché dateme licienzia,

 graziosa e bella audenzia,

 nfì che sorchio na meza de seje,

 co salute de luje e de leje,

 ca se secca lo cannarone

 sbacantànnose lo premmone.

“… A mio avviso, siffatto pesce corrisponde all’Anthias anthias. Neppure è da prendere in considerazione il riferimento a un terzo Guarracino detto «di scoglio», corrispondente all’Apogon rex mullorum, il re di triglie, che è bensì di colore rosso, ma non possiede alcun prolungamento delle pinne. Stabilita dunque l’identità del Guarracino della canzone con l’Anthias anthias, vediamo le gesta che il finissimo artista fa compiere al suo protagonista.

[…]Degli ottantadue animali menzionati dall’autore nella canzone, ben sessanta si riferiscono a pesci marini, mentre soltanto due sono pesci di acqua dolce (Tinca e Trota). Tre sono i mammiferi, tutti riuniti nello stesso verso, ed è strano che siano ricordati animali non del mediterraneo, nel quale mare solo occasionalmente sono presenti, mentre mancano i Delfini (a Napoli detti Feroni) che invece vi si incontrano. Undici sono i Molluschi citati, distinti in Gasteropodi (quattro), Lamellibranchi (tre) e Cefalopodi (quattro). Tre sono i Crostacei, due gli Echinodermi ed uno il Tunicato ricordato, cogli altri Invertebrati, alla fine del poemetto.

Indubbiamente, l’ignoto artista conosceva egregiamente la fauna marina tanto da trarne il gustoso poemetto, delizia di molte generazioni, e non esiterei a ritenerlo uno dei pochi ma valorosi naturalisti napoletani del ‘700.”

Il saggio, bellissimo, del Prof. Arturo Palombi, docente di Zoologia alla Facoltà di Agraria dell’Università di Napoli, conclude questo delizioso libro in 4°, stampato su carta al tino della Cartiera di Ferdinando Amatruda dai Fratelli De Luca in Salerno nel dicembre del 1985. Il libro è legato con spago di canapa annodato. Tra l’altro, il Prof. Palombi non ci dice che il Guarracino, la comunissima Castagnola rossa, è un ermafrodita proterogino: un pesce che nasce femmina e diventa maschio crescendo (come la Cernia, per internderci).

Il libro è un gioiello che racchiude un altro gioiello: forse la più bella canzone di tutti i tempi, scritta a Napoli da un anonimo genio nella seconda metà del XVIII secolo.

Dicembre 2008

Aggiungo oggi (29 dicembre 2011) questo link che permette di vedere un corto stupendo realizzato da un allievo di Vincenzo Gioanola:

www.youtube.com