Posts Tagged ‘Lucera’
Gamberi al masala

https://www.vincenzoreda.it/shaikh-nasir-masala-chef/

Il masala (parola hindi, o curry in inglese: significano entrambe “mistura”) è sempre quello di Shaikh Nasir, Masala Chef, che mi preparò qualche anno fa diverse varietà, studiate alla bisogna per verdure, carni, pesce. Questo, più delicato, è per il pesce. Con i gamberetti freschi è a dir poco eccezionale. Accoppiato al riso basmati e accompagnato da un improbabile, ma sorprendente, Cacc’ e Mitte 2010 della Marchesa di Lucera. Provare per credere, anche se trovare un masala come questo è davvero difficile. Almeno in Italia.

Nero di Troia in purezza: ovvero Nerone by La Marchesa

Mi è venuta in mente Claudia. Erano gli anni Ottanta, Claudia aveva una ventina d’anni: bellissima, smorfiosetta, donna già complicata come lo sono le napoletane, quelle veraci, borghesi di buona famiglia. A lei debbo il primo assaggio di Cacc’ e Mmitte, Cantine Svevo di Lucera: eravamo nel solito posto sul Gargano, tra Mattinata e Pugnochiuso. Il posto dove sono ancora oggi a trascorrere le mie vacanze che al solito sono tutt’altro che vacanti.

Gegè Mangano anni fa mi aveva fatto bere la prima bottiglia di un’azienda appena nata in Lucera: Nero di Troia in purezza, Nerone 2007 della cantina La Marchesa. Lo avevo trovato davvero ottimo e conoscevo bene Le Cruste di Longo, protagonista del mio racconto La bottiglia del giorno dopo.

Lo stesso Gegè mi ha messo in contatto con Marika Maggi che insieme a Sergio Lucio Grasso conduce la giovane azienda di circa 11 ha, posta nella piatta e fertilissima campagna a pochi chilometri a nord di Lucera.

Avevo pianificato questa visita già lo scorso anno e finalmente riesco a interrompere le mie vacanze per una giornata di piacevole lavoro.

Lucera è un importante centro che dista una ventina di chilometri da Foggia, verso ovest. Ci si trova nel piatto Tavoliere pugliese, ovvero una Terra generosa che da molti millenni ospita olivi, grano, viti, molti ortaggi e frutta; inoltre, da un paio di secoli ha adottato, con risultati straordinari, l’alieno pomodoro.

Lo scirocco oggi soffia sulla piana: sono 39° già intorno alle 11 di mattina!

Mi accoglie Marika e mi consegna nelle mani di Sergio per un giro nelle vigne: qui la memoria mi risveglia il ricordo dell’indimenticabile Gino: le vigne “bisogna camminarle”, anche a 39° in un lunedì di agosto.

E allora le mani appassionate e contadine di un uomo che ama la sua Terra ti mostrano con amore il grappoletto spargolo di uva Nero di Troia che proprio in questi giorni sta compiendo l’invaiatura. E la stessa persona ti descrive le potature corte di una giovane vigna tenuta a spalliera e ti racconta le necessarie e successive operazioni di potatura verde e di diradamento che servono a limitare le quantità di uva che naturalmente queste piante, spinte dai suoli ubertosi e dal clima, producono con una vigoria fuori del comune. Questo furore produttivo va controllato e limitato con rigore: soltanto in questo modo l’uva può raggiungere il giusto livello di qualità che potrà garantire un ottimo vino.

Le rese per ettaro delle uve Bombino, Montepulciano, Falanghina e Nero che vengono usate per i vini bianchi, i rosati e i neri da bere giovani raggiungono, pur con i diradamenti, i 160/180 ql per ettaro! Ovviamente per il Cacc’ e Mmitte e il Nerone le rese, in vigne più vecchie, non possono superare gli 80 ql.

Non c’è nulla di meglio, per conoscere un vino, che girare per le sue vigne, calpestarne il suolo che le ospita ed essere carezzati dalle stesse brezze che le aiutano a maturare.

Mai bisogna dimenticare che il vino è spremuta d’uva fermentata: e l’uva, dunque la vigna, è tutto. La cantina serve soltanto a non rovinare quello che il frutto ha donato: l’attività in cantina può soltanto peggiorare, mai migliorare, la qualità che la Terra ha saputo guadagnare.

Assai accaldati, ritorniamo al sicuro della frescura che i spessi muri di una masseria ristrutturata con gusto sanno conservare.

Ci aspetta Marika che si occupa di tutto ciò che riguarda marketing e commercio.

Se Sergio è il discendente di una vecchia famiglia contadina e ne è espressione dura e pura, Marika è una persona curiosa, dalla grande facilità di rapporto umano. Laureata in Lettere Moderne a Perugia, nella stessa Umbria ha seguito con passione e profitto i corsi AIS e dalla grande tradizione di quella regione ha mutuato le conoscenze riguardo alla comunicazione, all’immagine e al commercio del vino. Inoltre, è un’ottima cuoca, curiosa e sperimentatrice di gusti e tradizioni, anche esotiche.

Comincio a bere il rosato. Il Melograno, Nero e Montepulciano (80-20%), è un vino di 12,5% vol, colore rosa scarico, naso delicato. In bocca è un vino in cui si sente la struttura del Nero di Troia, buona acidità, secco, persistente e armonico: uno di quei rosati non modaioli, lontanissimo dalle vinificazioni in bianco, spesse volte stucchevoli, del Negramaro. Ne producono circa 15.000 bottiglie.

Il Quadrello è il bianco da uve Bombino bianco e Falanghina (80-20%), per 12,5% vol., di colore giallo paglierino, profumi delicati di frutta bianca e palato che esalta la banana, con sfumature di miele. Un bianco quasi importante, assai lungo e di gradevole equilibrio. Tenuto a macerare sulle bucce per soltanto 5 ore (alla faccia della moda!), rappresenta un risultato eccellente per un vino che a scaffale non supera i 7 €, come il rosato, del resto. Ne producono circa 15/20.000 bottiglie.

Il rosso Donna Cecilia, uve Nero e Montepulciano (60-40%), soltanto acciaio, è tenuto a gradazione alcolica non eccessiva (12,5% vol.). Colore rubino intenso, sentori delicati di frutti rossi, in bocca è pulito, armonico e di buona persistenza: un vino non impegnativo da consumare giovane e con una grande facilità di abbinamento a differenti cibi. 20.000 bottiglie per un vino da 6/6,5 € a scaffale.

La Doc Cacc’ e Mmitte  risale al 1975, precisamente il 13 dicembre, Santa Lucia. Per molti anni prodotto dalla Cantina Cooperativa Svevo di Lucera, oggi viene presentato da numerose aziende. Questo de La Marchesa, 2009 è assemblato con il classico uvaggio Nero, Montepulciano e Bombino bianco (70-20-10%), riposa 15 mesi in tonneau prima di continuare l’evoluzione in bottiglia. 13% vol. con colore rubino intenso e riflessi granata, al naso sentori di frutta di bosco. In bocca è un vino grasso, di buona acidità, ancora con qualche squilibrio dovuto alla giovane età. Molto persistente: questo è un vino importante che ha bisogno di ancora un paio d’anni per dare il meglio.6.000 bottiglie per 15 € a scaffale.

Il Nerone 2009 l’ho bevuto per ultimo. Questo è un vino importante, direi un grande vino che sta nelle ancora poco esplorate possibilità del Nero di Troia vinificato in purezza e spremuto da uve di vigne vecchie con rese sotto gli 80 ql/ha. Un vino a cui 12 mesi di barrique di secondo passaggio fanno bene. Soltanto 13% vol., colore rubino intenso con riflessi aranciati, al naso sentori complessi che dai frutti di bosco cominciano a migrare verso profumi di  cuoio e pellami vari. La bocca è piena, grassa, già equilibrato e maturo ma che promette almeno altri 8/10 anni di evoluzione.

Non vi sono dubbi, lo dicevo quando lo si conosceva in pochi (oggi il Nero di Troia sta cominciando a insidiare Primitivo e Negramaro): questo vitigno si deve considerare appartenente di diritto alla famiglia dei grandissimi a bacca rossa del nostro Sud. La fortuna è che queste uve le abbiamo soltanto noi: non ci possono far concorrenza francesi, spagnoli, cileni, sudafricani, americani et caetera! Ne sapessimo approfittare per una volta…

Chiudo con la considerazione che le persone che mi hanno ospitato in maniera semplice e calorosa, Marika e Sergio, hanno bisogno di lavorare con serenità e con l’appoggio, anche soltanto morale, di chi ama la Terra e il Vino. La loro passione, la loro tenacia, la loro applicazione – pur in un contesto che sconta una certa sudditanza periferica (almeno rispetto al modaiolo Salento) – saranno premiate dal tempo, che è sempre galantuomo. Forse e non per nulla, sono giunto qui dal ristorante Li Jalantuumene, di quel simpaticone – nonché grande chef – di Gegè Mangano.

Salute.

Cantina La Marchesa

Via Ciaburri, 101 – 71036 Lucera (Foggia)

+39 337 838702  +39 329 0946868

maggi_26@libero.it

Nerone della Marchesa 2007

Quest’anno Gegè non è particolarmente in forma: La Crisi ci sta facendo del male un po’ a tutti e io stesso non mi sento euforico e ricettivo tanto quanto in altre stagioni meno diroccate. Ma piazza de Galganis e Li Jalantuumene a Monte S. Angelo contribuiscono pur sempre a farmi sentire meglio: il mio amico Gegè poi sa sempre come pigliarmi per la gola. Ma non vuole che lo descriva come una “faccia da schiaffi”: devo inventare per lui un’altra espressione…

Ha preparato per mia moglie e per me un piatto di semplici gnocchi conditi con un passato di cime di rape e farciti con pomodori secchi: che dire? Quando la semplicità diventa sublime significa che si sta dalle parti dell’Arte. E poi un filetto di vacca podolica accompagnato con una deliziosa patata al cartoccio (e spolverato con un pizzico di cioccolata fondente) per sottolineare, una volta ancora, che da queste parti anche la carne rossa può essere ottima.

Ma la sorpresa è il vino: una bevuta in anteprima di una bottiglia fuori commercio, ancora senza etichetta. E’ il Nerone della Marchesa 2007, un Nero di Troia in purezza della Cantina Contrada Marchesa di Lucera, città del vino (famoso il complesso uvaggio Cacc’e Mitte) del sub-appennino Dauno in provincia di Foggia. E’ un vino forte, giovane, di già contento d’essere bevuto ma desideroso ancora di percorrere anni di strada; il naso è come dev’essere, con i frutti sensuali e conturbanti tenuti dentro la giusta misura che ha soltanto il compito di esaltare la lingua: il vino si deve assaporare più che annusare e osservare. E quando ti assedia la lingua, se è un vino come si conviene, deve innescarti altri sensi, per i fortunati come me che li possiedono.

Gran vino: giudizio non obiettivo perché io amo il Nero di Troia e non devo niente a nessuno se non alla mia presunzione di dire quel che mi piace. L’assaggio è durato poco: soltanto un paio d’ore, vorrei avere il tempo di gustarlo meglio e di saggiare gli altri vini di questa impresa giovane, abbastanza piccola (circa 12 ettari) e assai promettente. Gegè mi ha fatto parlare con Marika, sommelier e addetta alle pubbliche relazioni, e spero che ella ricordi la promessa.

Cantina Contrada Marchesa

Via Ciaburri,101

71036 Lucera (FG)

Tel. +39 0881 524000

grassogiuseppe7@tin.it