Posts Tagged ‘Movia Puro Rosé 2004’
Movia Puro Rosé 2004

L’ho bevuto una domenica mattina dai colori dell’alluminio: domenica di fine aprile stinta, stenta, affaticata. Me lo ha fatto bere Matteo, titolare del ristorante Slurp e del locale (fascinoso) CasaSlurp, in Torino; in accompagnamento c’erano dei deliziosi salumi (magnifico lo speck).

Bisogna sottolineare che ho bevuto il culo di una bottiglia aperta da qualche tempo e dunque con il vino assai bene ossigenato e bello limpido: questo fatto, importante perché la sboccatura (il degorgement, come si chiama con l’appropriato termine tecnico francese) avviene in tempo reale, al momento dell’apertura della bottiglia e l’operazione si presenta tutt’altro che semplice. Occorre, infatti, eliminare lieviti e fecce senza sprecare troppo prodotto (che non costa poco: ben oltre i 30 €).

E’ assai probabile, come molti hanno sottolineato, che appena aperta la bottiglia restituisca un vino i cui sentori e gusti non siano propriamente il massimo della piacevolezza: qui siamo nel campo della cultura biologica e biodinamica, e senza solfiti aggiunti.

Devo dire che ciò che ho bevuto io – ripeto, un fondo di bottiglia – mi è piaciuto assai: privo di quel retrogusto terroso che molti evidenziano; e privo di quelle note di ossido che spesso sono tipiche di questo genere di prodotti. Frutti rossi maturi, pieni con grande acidità e mineralità e un finale difficile da descrivere ma direi di sorprendente piacevolezza.

Attorno a questo prodotto sloveno hanno scritto in molti con giudizi contrastanti (vedere Intravino, Enofaber, Cazzorla…). A me è piaciuto assai, pur convenendo che qui siamo in un ambito nel quale per necessità le opinioni non possono essere altro che parecchio modulate. Evitando, per come la penso io, di strepitare sentenze assolute in un senso o in quello diametralmente opposto.

Qui sotto, il link della scheda tecnica per chi volesse approfondire.

http://www.movia.si/it/wine/puro-rose