Posts Tagged ‘Mozart a Torino’
De Sade e Mozart a Torino

Nel 1772 il marchese Donatien Alphonse Francois De Sade era in fuga, come quasi sempre nella sua vita, e fu arrestato a Torino su istanza dell’ambasciatore francese. Fu rinchiuso nella forte di Miolans da cui riuscì a evadere in maniera romanzesca nell’aprile del 1773.

Via Corte d'Appello

Via Corte d’Appello

Descrisse le sue impressioni sull’Italia e su Torino nel libro Histoire de Juliette e non fu certo tenero, forse per vendetta, nei confronti della capitale sabauda.

«Non esiste in tutta Italia una città più regolare e noiosa di Torino: il cortigiano è fastidioso, il cittadino triste, il popolo devoto e superstizioso. Poche erano le risorse del piacere……».

«La società brillante di Torino è degna di quel re. Appresi così che a Torino l’usanza era di rubare al gioco, e che a Torino un uomo non poteva corteggiare una donna senza lasciarsi scroccar denaro al tavolo verde».

Povero Divin Marchese triste nella noiosa Torino….

Proprio un anno prima, nel 1771, Wolfgang Amadeus Mozart, quindicenne, si era fermato con suo padre a Torino per un paio di settimane e aveva alloggiato in quell’albergo che oggi si chiama Dogana Vecchia – in via Corte d’Appello – e di Torino era rimasto entusiasta, descrivendo una “bella città” in cui aveva potuto assistere alla rappresentazione di un’opera definita “veramente splendida”.