Posts Tagged ‘Renzo Arbore’
101 Storie Maya presentate con Francesco Colletta in Puglia

Il mio libro dedicato ai Maya non avrebbe mai visto la luce se nel lontanissimo, preistorico 1971 non avessi conosciuto Nicola Silvano Borrelli.

Lo conobbi per tramite di un annuncio radiofonico alla trasmissione “Per voi giovani“: non mi ricordo se lo lesse Gianni Boncompagni o Renzo Arbore (mi piacerebbe tanto fosse stato quest’ultimo). L’anno successivo mi recai in vacanza in Puglia: camping Fontana delle Rose, a Mattinatella sul Gargano meridionale. Dovevamo scavare delle tombe a campana nella necropoli dauna di Monte Saraceno.

Quaranta anni dopo, oggi che le  sue ceneri riposano sparse a Monte Saraceno a cura di Francesco Colletta, ho avuto l’immensa soddisfazione di presentare il mio libro a Fontana delle Rose, dove in fondo tutto è cominciato. C’era anche Francesco, archeologo e subacqueo che deve anch’egli tutto agli insegnamenti di Silvano. Lo conobbe nei primi anni Ottanta, adolescente. E fu, come per me, una folgorazione.

Dopo la presentazione di lunedì 30 luglio a Mattinatella, abbiamo replicato il 10 agosto a Manfredonia – in occasione del Manfredonia Blues Festival – davanti a una platea di qualche centinaio di persone attente ai nostri racconti. E la memoria, com’è ovvio, rincorreva il tempo passato a ascoltare le parole preziose, sempre quasi elargite con apparente sufficienza, di Nicola Silvano Borrelli. Che iddio, o chi per lui, l’abbia in gloria. Francesco e io siamo stati fortunati a incontrare questo strambo, adorabile tanghero.

Archeo compie 25 anni

Archeo, mensile di archeologia edito dall’Istituto Geografico De Agostini, con il numero 300 appena uscito in edicola compie 25 anni di pubblicazione ininterrotta.

Non avevo ancora 17 anni – era l’estate del 1971 – studiavo di sera e durante il giorno lavoravo da manovale generico nei cantieri edili dell’Impresa Rosazza di Torino; mandai un appello alla trasmissione radiofonica “Per voi giovani” di Gianni Boncompagni e Renzo Arbore : chiedevo di venir messo in contatto con persone che si occupavano di archeologia. L’appello fu diffuso e venne ascoltato – tramite una buffissima radiolina a transistor che egli aveva, al solito suo modo, modificata – da Nicola Silvano mentre armeggiava nella sua boita. Mi chiamò e io mi attaccai a lui come un neonato si attacca alla tettarella della madre. Mi portò a zonzo per i siti neolitici della Valle di Susa (Borgone, Vaie, Fillar Focchiardo…) e mi fece scavare la prima volta nell’anfiteatro romano di Ivrea nella primavera del 1972. Silvano era un grande appassionato di paletnologia, io a quel tempo avevo in mente soltanto Messico, Maya e Aztechi.

Allora i nostri riferimenti erano National Geografic e Scientific American, rigorosamente in inglese: il mercato editoriale non presentava nulla di analogo. Si dovettero attendere gli anni Ottanta per vedere nascere i primi periodici dedicati all’archeologia, alla natura, all’arte, ecc.

Andreas M. Steiner – giovane neolaureato tedesco, figlio di un pittore che amava l’Italia – in quegli stessi primi anni Settanta rimase impigliato nelle reti sensuali e debordanti di quella matrona languida conosciuta con il nome antico di Roma. S’innamorò dell’Urbe e di una sua figlia e cominciò a farsi romano anch’egli. Una decina d’anni più tardi, venne chiamato da Sabatino Moscati a occuparsi, in qualità di redattore, del nuovo progetto editoriale della De Agostini: Archeo, fortemente voluto da Pietro Boroli. Del primo numero di Archeo, datato Marzo 1985 e che io possiedo fra le migliaia di esemplari della mia Biblioteca, riporto la raffinata copertina e l’editoriale con il colophon.

Mi è d’obbligo parlare dei contenuti di Archeo oggi in edicola, anche perché Andreas con i suoi pochi e bravissimi collaboratori ha realizzato un’edizione di interesse grandissimo.

Tra i vari articoli, riportati sugli strilli in copertina, mi ha colpito la qualità, la franchezza, la chiarezza, la competenza, la profondità dell’inchiesta realizzata da Orietta Rossini, persona che purtroppo non ho il piacere di conoscere, su Pompei con le interviste – per davvero interessanti e di tono fuori della solita paludata e inconcludente ufficialità – all’ultimo soprintendente Prof. Pier Giovanni Guzzo e all’attuale commissario ministeriale Marcello Fiori.

Un’inchiesta realizzata partendo da una prospettiva per davvero insolita, almeno da noi, che avrà per il futuro da essere considerata come un esempio di giornalismo culturale, impegnato e non puttano né parente di qualunque ipocrisia. Orietta Rossini, lo dico senza dover niente a nessuno, ha realizzato un grande lavoro che invito chiunque abbia a cuore le sorti dell’immenso e immensamente maltrattato tesoro dei beni archeologici, artistici e culturali italiani non soltanto a leggere, ma a frequentare.

Per combinazione, a me tanto gradita, questo numero di Archeo, contiene anche un piccolo abstract di un articolo di Archeology (periodico americano di cui ho avuto il piacere di conoscere il senior editor Samir S.Patel www.archeology.org) che parla del sito maya di El Mirador e delle ultime, straordinarie scoperte di Richard Hansen.

Grazie tante, Andreas e che iddio, o chi per lui, ti conservi la vista.