Posts Tagged ‘ristorante real san michele a monte s. angelo’
Ristorante “Real” San Michele a Monte S. Angelo

Monte S. Angelo – Gargano, Puglia, Italia –  è un paese bellissimo che io amo in maniera particolare, ma è anche un paese ricco di contrasti e di faccende poco comprensibili altrove (vedi foto con i circoli Arci e Pdl uno a fianco all’altro…). In questo paese c’è il mio amico Gegè Mangano con il suo Li Jalantuumene, ristorante d’eccellenza, e  ci sono molti altri locali, ristoranti, pizzerie di vari livelli di qualità, ma tutti più o meno accettabili.

E poi c’è il “Real” San Michele!

Quest’anno invece che andare a mangiare le solite eccellenti preparazioni cucinarie di Gegè, ho voluto in maniera anonima provare questo locale con giardino – è l’unico a averne uno, in un paese in cui gli spazi sono per davvero esigui – situato nel pieno centro storico (medievale) di Monte.

E’ un’esperienza che consiglio di provare almeno una volta nella vita, in special modo a tutti quelli che hanno la puzza sotto il naso e che sono s-costumati a pretendere sempre un servizio inappuntabile.

Non si mangia male e il vino (soltanto sfuso) non è malvagio – se ci si accontenta – e non si spende neanche molto: ma qui è il servizio che occorre mettere in risalto!

Il famoso giardino c’è, è anche carino ma oggi non abbiamo tutto il personale e il servizio in giardino è un po’ lento e poi con questa giornata (stupenda, detto tra noi) non è consigliabile. Il menu bisogna richiederlo con tignosa autorità. Il vino è soltanto sfuso. Il pane è fresco ma un poco sporco (è soltanto farina…). Le razioni sono ottime se si è a dieta. I tovaglioli rigorosamente di carta. La macchina del caffè purtroppo è spenta. L’ordigno che prende la carta di credito proprio oggi non funziona….Però troneggia nella sala, arredata e addobbata in maniera adeguata (a parte i tovagliati, consiglio un occhio di riguardo per i quadri, o meglio, le riproduzioni appiccate alle pareti),  un magnifico Sony nero e piatto sopra una autentica pianta finta, come si conviene.

E’ un’esperienza da fare, almeno una volta nella vita. Eppoi non si rischia niente, ammesso di essere di buon umore e avere un sano sense of humor. Purtoppo, non posso far nulla per raccomandarvi!