Posts Tagged ‘Ugo Picarelli’
BMTA Paestum: presentazione del mio libro sui Maya

In occasione della XIV edizione della Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico che si è svolta a Paestum (SA) dal 17 al 20 novembre, sabato 19 alle ore 10.00 nella Sala Velia dell’Hotel Ariston di Capaccio, insieme con Marco Casareto – direttore dei mensili Focus Storia e Geo (Gruner-Mondadori) – ho presentato il mio ultimo lavoro: 101 storie Maya che dovresti conoscere prima della fine del mondo, edizioni Newton Compton. La presenza di Marco Casareto ha contribuito a rendere l’incontro assai piacevole con una intensa partecipazione del pubblico che ha avuto modo di interagire con noi. E’ stato un momento di grande soddisfazione personale per il quale ringrazio Ugo Picarelli, la Leader e, ovviamente, l’amico Marco, persona di grande spessore e competenza.

XIV BMTA Paestum 17/20 novembre 2011, Programma

www.borsaturismo.com

http://leaderonline.it/upload/news/programmaWeb.pdf

 

 

 

 

 

GÖBEKLI TEPE

Göbekli Tepe significa «la collina con la pancia», è un sito archeologico posto nella Turchia meridionale, quasi al confine con la Siria. E’ un luogo desolato in cui alla fine degli anni Novanta l’archeologo tedesco Klaus Schimdt cominciò i suoi scavi. Oggi sappiamo che i resti monumentali di una struttura, che era probabilmente un luogo di culto, risalgono al 10.000 avanti Cristo! Questo significa che una o più comunità di cacciatori-raccoglitori avevano già sviluppato la capacità di creare un surplus di risorse che permettesse a molti uomini di dedicarsi alla costruzione di una struttura monumentale senza l’assillo di dover provvedere alla quotidiana lotta per la sopravvivenza! Una rivoluzione copernicana per quanto riguarda l’evoluzione umana. Fino a oggi si era sempre creduto (le famose teorie di Vere Gordon Childe) che la capacità dell’uomo di riunirsi in comunità stanziali e di riuscire a organizzare del tempo libero da dedicare alla religione, all’arte, all’organizzazione sociale fosse dovuta alla scoperta di agricoltura e allevamento e si parla di almeno due millenni più tardi: Gerico I. Le immagini qui sotto sono state prese il 15 novembre del 2008 alla BMTA di Paestum, quando ho avuto modo di conoscere Klaus Schimdt, intervistato dal mio amico Andreas Steiner, direttore della rivista Archeo, con la quale collaboravo. Allora soltanto pochi specialisti conoscevano Göbekli Tepe. In quell’occasione Ugo Picarelli, straordinario direttore della BMTA, consegnò un premio all’archeologo tedesco, come riconoscimento alle sue ricerche. Oggi, finalmente, questa scoperta viene divulgata in maniera più ampia (Focus Storia, La Stampa, ecc.).

 

BMTA Paestum 19/22 novembre 2009

Alcuni momenti dell’ultima edizione della Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico. Come tutti gli anni, un grande momento di confronto e verifica, con alcuni convegni e incontri di interesse notevole. Ugo Picarelli e il suo staff hanno ancora una volta lavorato con grande professionalità. La nazione ospite era quest’anno il Portogallo.

Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico: 19/22 novembre 2009, Paestum

Ogni anno, più o meno verso la metà di novembre, si tiene a Paestum la Borsa mediterranea del turismo archeologico. È un momento sempre affascinante in cui in quattro giorni si confronta e si verifica tutto il mondo, letteralmente, dell’archeologia.

Presso il centro espositivo dell’hotel Ariston, centinaia di addetti ai lavori e migliaia di visitatori, studenti e semplici appassionati, si incontrano nelle sale dei convegni e nei numerosi stand.

Dal 2006 frequento questa manifestazione per davvero eccezionale, dove ho avuto modo di soddisfare la mia grande passione per l’archeologia e i miei interessi per l’area mesoamericana. Ho conosciuto archeologi straordinari, tra i quali ricordo con grande piacere Ehud Netzer (attivo a Masada e scopritore della tomba di Erode), con cui sono stato a cena in uno dei magnifici ristoranti della zona, patria della mozzarella, oltre che unico sito di epoca greca che conserva le mura del VI secolo a.C. intatte. Con l’amico Andreas Steiner, caporedattore di Archeo, con cui lavoro, è sempre un piacere incontrarsi, parlare di archeologia, mangiare e naturalmente bere bene. Uomo di grandi capacità organizzative e grandi doti umane, cui la manifgestazione deve la sua origine e il suo costante successo, direi mondiale senza tema di smentite, è Ugo Picarelli: la sua disponibilità e la sua capacità di relazionare con uomini e problemi è davvero sorprendente. Per chi ama l’archeologia Paestum è un appuntamento irrinunciabile. Con un pensiero costante al mio maestro dauno Nicola Silvano Borrelli.

P.s: tutti gli anni lo stand, pure di modeste dimensioni, più affollato è sempre il solito: quello del Guatemala, dove l’impareggiabile Enzo Brilli, responsabile Inguat per l’Italia, intrattiene giovani e meno giovani con i suoi braccialetti maya e le trovate che ogni anno rendono sempre simpatica e interessante una visita al piccolo spazio espositivo del Guatemala.

www.borsaturismo.com