Posts Tagged ‘Vincenzo Gioanola’
Torino on the road, again

Personaggi famosi e non; protagonisti delle nostre storie; presentazioni, interviste, amici….Insomma: Torino on the road!

https://www.vincenzoreda.it/torino-on-the-road/

https://www.youtube.com/watch?v=6smtAY8dXSI

Vincenzo Gioanola e la sua ghironda

http://youtu.be/Hvn2FY6WWJg

Vincenzo Gioanola in azione con la sua ghironda nei pressi della Mole Antonelliana a Torino. Fotografato e filmato da Geeta Reda.

In Taberna quando sumus

In taberna quando sumus, / non curamus, quid sit humus,/ sed ad ludum properamus, / cui semper insudamus./

Quid agatur in taberna, / ubi nummus est pincerna, / hoc est opus, ut queratur, / sed quid loquar, audiatur. //

Quidam ludunt, quidam bibunt, / quidam indiscrete vivunt. / Sed in ludo qui morantur, /ex his quidam denudantur; /

quidam ibi vestiuntur, / quidam saccis induuntur / ibi nullus timet mortem., /sed pro Baccho mittunt sortem. /

Primo pro nummata vini ; / ex hac bibunt libertini. / Semel bibunt pro captivis,/ post hec bibunt ter pro vivis, /

quater pro Christianis cunctis, / quinquies pro fidelibus defunctis, / sexies pro sororibus vanis, / septies pro militibus silvanis. //

Octies pro fratribus perversis, / novies pro monachis dispersis, / decies pro navigantibus, / undecies pro discordantibus,/

duodecies pro penitentibus, / tredecies pro iter agentibus. / Tam pro papa quam pro rege / bibunt omnes sine lege. //

Bibit hera, bibit herus, / bibit miles, bibit clerus, / bibit ille, bibit illa, / bibit servus cum ancilla, /

bibit velox, bibit piger, / bibit albus, bibit niger, / bibit constans, bibit vagus, / bibit rudis, bibit magus. //

Bibit pauper et egrotus, / bibit exul et ignotus,/ bibit puer, bibit canus, / bibit presul et decanus, /

bibit soror, bibit frater, / bibit anus, bibit mater, / bibit ista, bibit ille, / bibunt centum, bibunt mille. //

Parum durant sex nummate, / ubi ipsi immoderate / bibunt omnes sine meta, / quamvis bibunt mente leta. /

Sic nos rodunt omnes gentes, / et sic erimus egentes. / Qui nos rodunt, confundantur / et cum iustis non scribantur.

 

 

 

Ho finito di dipingere  il materiale grezzo su cui Vincenzo Gioanola lavorerà per montare un corto in animazione che sarà basato sul celebre testo, e altrettanto celebre musica, dei Carmina Burana di Carl Orff. Non ho idea di quando sarà pronto, ma confido in un grande risultato di cui la Giga è una interessante anticipazione (o bozza).

https://www.vincenzoreda.it/giga/

GIGA

http://www.youtube.com/watch?v=xSfBXWmbn8s

Il link qui sopra rimanda alla visione di un breve filmato in animazione realizzato da Vincenzo Gioanola con alcuni dei miei quadri. La colonna sonora è costituita dal 4° movimento della Partita per violino n. 2 in re minore BWV 1004 di Johann Sebastian Bach suonata in maniera divina da Nathan Milstein (Londra 1973); di quest’opera io prediligo la Ciaccona che è l’ultimo movimento – un brano che per me è la cima inarrivabile della musica di tutti i tempi: come interpreta l’opera il divino violinista russo è la perfezione, nemmeno Uto Ughi riesce a raggiungere questi apici.

Vincenzo Gioanola lo conosco da oltre trent’anni: è una delle persone più dotata di talento che io ho incontrato (e ho avuto la fortuna d’incontrarne tante). Quando qualche giorno fa mi ha chiamato per dirmi che era interessato a realizzare un corto con i miei quadri, sono stato molto contento: era da tempo che volevo di nuovo lavorare con lui.

Qui sotto ci sono alcune immagini dei primi anni Ottanta, quando  avevo un’agenzia di pubblicità e mi occupavo soprattutto di fotografia: Vincenzo suonava con La Lionetta e faceva parte di quella stupenda accozzaglia di talenti che era La Compagnia del Bagatto.

Nell’immagine che ritrae “Billo” – un furgone Bedford che era diventato un essere vivente, compagno fedele di mille viaggi avventurosi e sgangherati – ripresa nel cortile di via Piave al numero 5 (io oggi abito al 9 della stessa via), dove stava la sede della Compagnia, si riconoscono tra gli altri, Silvio e Alfio Bastiancich, Laura Malaterra, Marco Ghio, Raffaella Marsella. Il pieghevole era stato ideato dall’indimenticabile Mariano Gai-Lofaso, amico carissimo scomparso pochi mesi dopo.

Nell’altra immagine, uno scarto di fotografie realizzate per la copertina di un Lp della Lionetta, tutti i componenti del gruppo sono sospesi per aria: Vincenzo è il pazzo più in alto, nel gruppo suonava la ghironda. Le altre due immagini riguardano un lavoro – strepitoso – che la mia agenzia aveva commissionato a Vincenzo per le attività di teatro ragazzi a Torino in quegli anni: è una platea di personaggi assurdi e improbabili, opera dell’immaginazione di Vincenzo.

Il breve filmato in link, che è ancora una semplice bozza, testimonia del suo talento: Vincenzo, come me del resto, è uno di quelli noti e apprezzati in giro per il mondo e totalmente ignorati in questa gora di provincialismo che è la nostra, magnifica per altro, Città.

La Canzone del Guarracino, un gioiello del XVIII secolo

 

La Canzone del Guarracino, Edizioni De Luca, Salerno

La Canzone del Guarracino, Edizioni De Luca, Salerno

 

 

 

 LO GUARRACINO

 Lo Guarracino che jéva pe mare

 le venne voglia de se ‘nzorare,

 se facette no bello vestito

 de scarde de spine pulito pulito

 cu na perucca tutta ‘ngrifata

 de ziarèlle ‘mbrasciolata,

 co lo sciabò, scolla e puzine

 de ponte angrese fine fine.

 

 Cu li cazune de rezze de funno,

 scarpe e cazette de pelle de tunno,

 e sciammeria e sciammereino

 d’àleche e pile de voje marino,

 co buttune e bottunera

 d’uocchie de purpe, sécce e fèra,

 fibbia, spata e schiocche ‘ndorate

 de niro de secce e fele d’achiate.

 

 Doje belle cateniglie

 de premmone de conchiglie,

 no cappiello aggallonato

 de codarino d’aluzzo salato,

 tutto pòsema e steratiello

 jeva facenno lo sbafantiello,

 e gerava da ccà e da llà;

 la ‘nnammorata pe se trovà!

 

 La Sardella a lo barcone

 steva sonanno lo calascione;

 e a suono de trommetta

 ieva cantanno st’arietta:

 “E llaré lo mare e lena

 e la figlia da siè Lena

 ha lasciato lo  nnamorato

 pecché niente l’ha rialato”.

 

 Lo Guarracino ‘nche la guardaje

 de la Sardella se ‘nnamoraje;

 se ne jette da na Vavosa

 la cchiù vecchia maleziosa;

 l’ebbe bona rialata

 pe mannarle la mmasciata:

 la Vavosa pisse pisse

 chiatto e tunno nce lo disse.

 

 La Sardella ‘nch’a sentette

 rossa rossa se facette,

 pe lo scuorno che se pigliaje

 sotto a no scuoglio se ‘mpizzaje;

 ma la vecchia de vava Alosa

 sùbeto disse: “Ah schefenzosa!

 De sta manera non truove partito

 ‘ncanna te resta lo marito.

 

 Se aje voglia de t’allocà

 tanta smorfie nonaje da fa;

 fora le zeze e fora lo scuorno,

 anema e core e faccia de cuorno”.

 Ciò sentenno la sié Sardella

 s’affacciaje a la fenestrella,

 fece n’uocchio a zennariello

 a lo speruto ‘nnammoratiello.

 

 Ma la Patella che steva de posta

 la chiammaje faccia tosta,

 tradetora, sbrevognata,

 senza parola, male nata,

 ch’avea ‘nchiantato l’Alletterato

 primmo e antico ‘nnamorato;

 de carrera da chisto jette

 e ogne cosa ‘lle dicette.

 

 Quanno lo ‘ntise lo poveriello

 se lo pigliaje Farfariello;

 jette a la casa e s’armaje a rasulo,

 se carrecaje comm’a no mulo

 de scopette e de spingarde,

 póvere, palle, stoppa e scarde;

 quattro pistole e tre bajonette

 dint’a la sacca se mettette.

 

 ‘Ncopp’a li spalle sittanta pistune,

 ottanta mbomme e novanta cannune;

 e comm’a guappo Pallarino

 jeva trovanno lo Guarracino;

 la disgrazia a chisto portaje

 che mmiezo a la chiazza te lo ‘ncontraje:

 se l’afferra po crovattino

 e po lle dice: “Ah malandrino!

 Tu me lieve la ‘nnammorata

 e pigliatella sta mazziata”.

 Tuffete e taffete a meliune

 le deva pàccare e secuzzune,

 schiaffe, ponie e perepesse,

 scoppolune, fecozze e conesse,

 scerevecchiune e sicutennosse

 e ll’ammacca osse e pilosse.

 

 Venimmoncenne ch’a lo rommore

 pariente e amice ascettero fore,

 chi co mazze, cortielle e cortelle,

 chi co spate, spatune e spatelle,

 chiste co barre e chille co spite,

 chi co ammènnole e chi co antrite,

 chi co tenaglie e chi co martielle,

 chi co torrone e sosamielle.

 

 Patre, figlie, marite e mogliere

 s’azzuffajeno comm’a fere.

 A meliune correvano a strisce

 de sto partito e de chillo li pisce

 Che bediste de sarde e d’alose!

 De palaje e raje petrose!

 Sàrache, diéntece ed achiate,

 scurme, tunne e alletterate!

 

 Pisce palumme e pescatrice,

 scuórfene, cernie e alice,

 mucchie, ricciòle, musdee e mazzune,

 stelle, aluzze e storiune,

 merluzze, ruóngole e murene,

 capodoglie, orche e vallene,

 capitune, aùglie e arenghe,

 ciéfere, cuocce, tràccene e tenghe.

 

 Treglie, trèmmole, trotte e tunne,

 fiche, cepolle, laúne e retunne,

 purpe, secce e calamare,

 pisce spate e stelle de mare,

 pisce palumme e pisce prattielle,

 voccadoro e cecenielle,

 capochiuove e guarracine,

 cannolicchie, òstreche e ancine,

 

 vòngole, còcciole e patelle,

 pisce cane e grancetielle,

 marvizze, màrmure e vavose,

 vope prene, vedove e spose,

 spìnole, spuónole, sierpe e sarpe,

 scàuze, nzuóccole e co le scarpe,

 sconciglie, gàmmere e ragoste,

 vennero nfino co le poste,

 

 capitune, sàure e anguille,

 pisce gruosse e piccerille,

 d’ogni ceto e nazione,

 tantille, tante, cchiù tante e tantone!

 Quanta botte, mamma mia!

 Che se dévano, arrassosia!

 A centenare le barrate!

 A meliune le petrate!

 

 Muorze e pìzzeche a beliune!

 A delluvio li secozzune!

 Non ve dico che bivo fuoco

 se faceva per ogne luoco!

 Ttè, ttè, ttè, ccà pistulate!

 Ttà, ttà, ttà, llà scoppettate!

 Ttù, ttù, ttù, ccà li pistune!

 Bu, bu, bu, llà li cannune!

 

 Ma de cantà so già stracquato

 e me manca mo lo sciato;

 sicché dateme licienzia,

 graziosa e bella audenzia,

 nfì che sorchio na meza de seje,

 co salute de luje e de leje,

 ca se secca lo cannarone

 sbacantànnose lo premmone.

“… A mio avviso, siffatto pesce corrisponde all’Anthias anthias. Neppure è da prendere in considerazione il riferimento a un terzo Guarracino detto «di scoglio», corrispondente all’Apogon rex mullorum, il re di triglie, che è bensì di colore rosso, ma non possiede alcun prolungamento delle pinne. Stabilita dunque l’identità del Guarracino della canzone con l’Anthias anthias, vediamo le gesta che il finissimo artista fa compiere al suo protagonista.

[…]Degli ottantadue animali menzionati dall’autore nella canzone, ben sessanta si riferiscono a pesci marini, mentre soltanto due sono pesci di acqua dolce (Tinca e Trota). Tre sono i mammiferi, tutti riuniti nello stesso verso, ed è strano che siano ricordati animali non del mediterraneo, nel quale mare solo occasionalmente sono presenti, mentre mancano i Delfini (a Napoli detti Feroni) che invece vi si incontrano. Undici sono i Molluschi citati, distinti in Gasteropodi (quattro), Lamellibranchi (tre) e Cefalopodi (quattro). Tre sono i Crostacei, due gli Echinodermi ed uno il Tunicato ricordato, cogli altri Invertebrati, alla fine del poemetto.

Indubbiamente, l’ignoto artista conosceva egregiamente la fauna marina tanto da trarne il gustoso poemetto, delizia di molte generazioni, e non esiterei a ritenerlo uno dei pochi ma valorosi naturalisti napoletani del ‘700.”

Il saggio, bellissimo, del Prof. Arturo Palombi, docente di Zoologia alla Facoltà di Agraria dell’Università di Napoli, conclude questo delizioso libro in 4°, stampato su carta al tino della Cartiera di Ferdinando Amatruda dai Fratelli De Luca in Salerno nel dicembre del 1985. Il libro è legato con spago di canapa annodato. Tra l’altro, il Prof. Palombi non ci dice che il Guarracino, la comunissima Castagnola rossa, è un ermafrodita proterogino: un pesce che nasce femmina e diventa maschio crescendo (come la Cernia, per internderci).

Il libro è un gioiello che racchiude un altro gioiello: forse la più bella canzone di tutti i tempi, scritta a Napoli da un anonimo genio nella seconda metà del XVIII secolo.

Dicembre 2008

Aggiungo oggi (29 dicembre 2011) questo link che permette di vedere un corto stupendo realizzato da un allievo di Vincenzo Gioanola:

www.youtube.com

 

 

 

Strade reali e vini dei re, convegno e mostra con i miei lavori

Grande successo ha avuto – a parte la mia mostra e i filmati che ho mostrato su scacchi, Caffé Elena e la bozza strepitosa dell’animazione di Vincenzo Gioanola con i miei lavori – il mio:

Decalogo del vino.

1)    Il vino non si degusta, si beve.

2)    Il vino è una questione sempre soggettiva.

3)    Il vino è una faccenda che attiene alla poesia, non alla scienza.

4)    Il vino non ama le guide: sono tutte più o meno false o inattendibili.

5)    Il vino è succo d’uva fermentato, non è nettare.

6)    Il vino non ha nulla a che spartire con gli dei.

7)    Il vino, quando si parla di religione, tende a diventare aceto.

8)    Il vino è geloso: ogni bottiglia è un universo  che mira a essere assoluto.

9)    Il vino è sensibile alle compagnie, al contesto, al clima….a tutto.

10)  Il vino è un mistero insondabile, ma è il mistero meno misterioso del mondo.

C’è un undicesimo comandamento: mandate a cacare tutti quelli che cercano d’insegnarvi qualcosa del vino: sono tutti delinquenti, assassini, sodomiti, ladri; non pagano l’affitto, non pagano le tasse, non pagano le multe.

Veri furfanti sono e bugiardi e infingardi: non vi fidate. Parola di chi c’è cascato e pretende d’insegnarvi qualcosa di giusto del vino.

https://www.vincenzoreda.it/stupinigi-wow-prime-immagini-di-un-successo/

https://www.vincenzoreda.it/stupinigi-25-settembre-2010-strade-reali-e-vini-dei-re/